aggiornamento DVB-T2 ItaliaMolti clienti lamentano il fatto di non riuscire più a ricevere i canali RAI e Mediaset tramite il loro decoder DVB. Il motivo è presto detto ed è legato al nuovo piano di aggiornamento previsto per la versione 2.0 del Digitale Terrestre. Inizierà tutto tra qualche settimana ma sono già in preventivo grossi cambiamenti. Per continuare a guardare la TV c’è una soluzione. Ecco qual’è.

 

DVB T2: scoperta la soluzione per risolvere i problemi di visione oscurata dei canali

In presenza di un vecchio televisore possiamo aspettarci alcuni problemi di compatibilità DVB T2. Sorgono in quanto le attuali frequenze a 700 MHz stanno per essere cedute alla rete 5G. Si andranno ad utilizzare nuove portanti radio con codec aggiornati per l’alta definizione.

Il paragrafo precedente si traduce nel fatto che gli attuali decoder non sono in grado di agganciare il segnale. Il Digital Video Broadcasting si trasforma in versione 2.0 ed introduce il logo HD per tutti i canali locali e nazionali. Soltanto con i nuovi decoder avremo la certezza di poter assistere ai programmi in onda. Può trattarsi di una apparecchiatura interna al televisore (decoder integrato a partire dal 1 Gennaio 2017) oppure esterna da collegare via Scart o HDMI.

Per essere certi di dover cambiare decoder facciamo un semplice test gratuito. Basta aggiornare la lista canali e consultare i numeri 100 o 200 della lista. Qui c’è una prova che fornisce informazioni sullo stato della linea. Potremmo voler cambiare soltanto decoder con una spesa da 25 a 50 euro azzerata dai bonus sconto oppure tutta la TV.

Nel primo caso si ottiene un azzeramento della spesa presentando autocertificazione ISEE al negozio di fiducia. Nell’ipotesi del cambio TV ogni onere resta a carico del cliente con la certezza che riuscirà a vedere tutto senza ulteriori modifiche per gli anni a venire.