traffico cittadino

Google Maps e Waze sono due applicazioni che abbiamo imparato a conoscere quando il navigatore satellitare è stato sdoganato sugli smartphone. Sono software che sfruttano il tracciamento della posizione tramite GPS, che appartengono entrambe a Google, e che ci aiutano ogni giorno a combattere lo stress del traffico cittadino. Quando arrivò Waze sul Play Store si era pensato erroneamente che Maps avrebbe perso il suo appeal sugli utenti, ma le due app mantengono ancora oggi qualche differenza importante che le rende indispensabili.

Nella navigazione sono praticamente identiche, con la differenza che Waze consente alle persone di creare e inviare mappe personalizzate segnalando interruzioni di strada, lavori in corso, posti di blocco e qualsiasi altra informazione utile. Va da sé che le mappe create dagli utenti Waze sono migliori ma funziona solo in auto, mentre Google Maps ha anche la navigazione quando si cammina, andando in bicicletta o utilizzando i mezzi pubblici.

 

Addio traffico cittadino: come combatterlo con Waze e Maps

In merito alle indicazioni stradali, se Waze è forte nel consigliare la strada più veloce in base al traffico, Maps lavora meglio nelle zone più isolate e ha mappe più affidabili. Dunque quest’ultimo è consigliato per i viaggi e può essere usato offline, mentre con Waze non è possibile scaricare mappe e necessita della connessione internet per funzionare.

Consigliamo Maps anche quando ci si deve muovere in città alla ricerca di luoghi e vie poiché risulta più chiaro e preciso, nonostante anche Waze contiene informazioni sui ristoranti e i luoghi commerciali. Ovviamente, come già stiamo capendo, Waze è più orientata agli automobilisti, visto che informa perfettamente a quali benzinai fare rifornimento.

Inoltre, può inviare agli altri informazioni in tempo reale come i posti di blocco, i lavori in corso, gli incidenti stradali, gli autovelox e tanto altro. Un sistema di informazioni che gli altri guidatori potranno confermare o eliminare se non più presenti.

In conclusione, Google Maps è ottima come navigatore GPS per trovare indicazioni precise, grazie anche a un tracciamento più immediato e facile da usare. Waze può essere più utile quando si sa che strada fare e si vuole evitare perdite di tempo tra traffico e posti di blocco.