furto auto truffa della bottiglia di plastica

Un trucchetto ingegnoso ma vecchio come il mondo torna a colpire i proprietari di auto italiani: si tratta della truffa della bottiglietta di plastica incastrata nel passaruota posteriore che i ladri d’auto stanno utilizzando con immenso successo.

Un trucco che sta dando modo ai malintenzionati di rubare diverse vetture in giro per l’Italia, e  non c’è possibilità per le forze dell’ordine di arginare la pioggia di denunce che ogni giorno arrivano dai poveri derubati con questo stratagemma.

 

Auto: guidatori a rischio a causa della truffa della bottiglietta

A livello pratico, un ladro d’auto non necessita nemmeno di manomettere le serrature o l’antifurto dei veicoli, aspetta al contrario che siano gli stessi proprietari a servirgli la preda su un piatto d’argento. Di solito basta posizionare una bottiglietta di plastica vuota incastrandola nel passaruota del mezzo e, quando il conducente parte si sente subito un forte rumore provenire dalla parte posteriore dell’automobile.

Un evento che spesso vi fa scendere dall’auto senza neanche spegnere il motore per stimare eventuali danni, ma proprio in quell’istante i malviventi approfitteranno della situazione portandovi via la macchina sotto il naso.

Le forze dell’ordine sono sempre attive nel dispensare consigli, e pregano gli automobilisti di prestare sempre attenzione alla propria vettura prima di salire a bordo, in particolar modo alle gomme. Anche il dettaglio più insignificante può rappresentare il segnale di un pericolo imminente, e se ormai avete già sentito quegli strani rumori meglio proseguire la marcia senza fermarsi.

Se invece vi siete fermati e già capite che qualcuno vi sta osservando, chiudetevi dentro e contattate immediatamente le forze dell’ordine.