Polizia Postale, Polizia di Stato, phishing, truffe, online

Il periodo Natalizio è caratterizzato da un incremento dello shopping legato ai regali per amici e parenti. È proprio in questo periodo che è più facile incappare in truffe in quanto spesso i regali si cercano online per risparmiare. Consapevole di questi potenziali rischi, la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha deciso di pubblicare un decalogo per garantire la sicurezza online dei cittadini.

Acquistare online infatti è sempre più facile ed immediato e permette di scegliere un prodotto e poterlo ricevere comodamente a casa. Spesso le offerte presenti online sono anche più vantaggiose di quelle nei negozi fisici, rendendo quindi più conveniente questa modalità.

Tuttavia, non sempre acquistare online è privo di rischi, anzi le possibili minacce sono anche superiori. I truffatori sono sempre in agguato e sfruttano a proprio vantaggio offerto dalla rete come per esempio false vendite ma non solo. Le potenziali minacce includono anche il phishing, una tipologia di truffa che comporta il furto dei dati sensibili tra cui il codice della carta di credito e i dati personali.

Grazie all’esperienza acquisita dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, è possibile stilare le dieci buone abitudini che tutti gli utenti dovrebbero rispettare. Si tratta di consigli che se seguiti costantemente per gli acquisti online permettono di ridurre sensibilmente i rischi. Le dieci regole sono valide tanto a Natale quanto negli altri giorni dell’anno e sono:

  1. Utilizzare software e browser completi ed aggiornati
  2. Dare la preferenza a siti certificati o ufficiali
  3. Un sito deve avere gli stessi riferimenti di un vero negozio!
  4. Leggere sempre i commenti e i feedback di altri acquirenti
  5. Su smartphone o tablet utilizzare le App ufficiali dei negozi online
  6. Utilizzare soprattutto carte di credito ricaricabili
  7. Non cadere nella rete del phishing e/o dello smishing
  8. Un annuncio ben strutturato è più affidabile!
  9. Non sempre….è sempre unbuon affare
  10. Non fidarsi….