google

Google vuole entrare nel settore dei giochi iper-competitivi in ​​parte prendendo di mira un pubblico a volte trascurato dai competitor: le donne.

Martedì Google (GOOGL) lancerà Stadia, un modo per riprodurre in streaming e giocare a giochi di qualità da un browser web o uno smartphone. Ma uno degli elementi più innovativi, per quanto sottili, del nuovo servizio di gioco è il design del controller Stadia.

Tradizionalmente, il controller Xbox di Microsoft è disponibile in colori come il blu elettrico o il rosso fuoco. I controller Sony sono disponibili in nero e in varie tonalità di neon e camo.

Stadia sta adottando un approccio più neutro rispetto aquesti stili. Google sta vendendo controller disponibili in bianco, nero o verde Wasabi. Nintendo, che ha reso lo Switch Lite in colori vivaci come il turchese e il giallo. “Alcuni dei nostri storici concorrenti sono stati un po troppo maschilisti nel loro approccio”, ha dichiarato Phil Harrison, vicepresidente di Google e capo di Stadia, in un’intervista a CNN Business.

 

Una ricerca che parte dalle piccole cose

Per Google, la decisione di volersi re-inventare potrebbe aiutare il suo nuovo servizio di gioco a distinguersi dalla concorrenza e ad attirare un pubblico più diversificato. Negli Stati Uniti, le donne rappresentano il 46% dei giocatori, secondo Entertainment Software Association, un gruppo commerciale di videogiochi. E ciò indica anche una possibile arma segreta in un settore che le stime di Ernst & Young genererà 152 miliardi di entrate nel 2019.
Google ha esaminato centinaia di colori e ha interrogato migliaia di giocatori prima di decidere il color Wasabi. Ciò che Google ha trovato, secondo il suo direttore del design Isabelle Olsson, è che questo colore ha “un fascino universale“.

“Sia gli uomini che le donne erano incerti su questo colore, è davvero difficile trovarne del genere.” Infatti non è solo il colore del controller. Un rapido test del prodotto da parte della CNN Business ha dimostrato che il controller è leggermente più facile da impugnare per le mani piccole rispetto a prodotti simili prodotti dai concorrenti. Google ha detto che è stato intenzionale.