Come la maggior parte dei viaggiatori, i 12 astronauti che hanno camminato sulla luna hanno portato a casa souvenir dei loro viaggi. Ma invece di magliette, bicchierini o calamite da frigo, i cadetti spaziali della NASA sono tornati con rocce lunari. I campioni contanti sono 2.196, per l’esattezza.

L’agenzia statunitense detiene ancora la maggior parte di queste reliquie. E, per la prima volta in oltre 40 anni, gli scienziati ne hanno aperto uno.

Il campione, non sigillato il 5 novembre nel Johnson Space Center Lunar Curation Laboratory, è stato raccolto dalla superficie lunare dagli astronauti dell’Apollo 17 Gene Cernan e Jack Schmitt. Durante la loro missione del 1972 – l’ultimo del programma Apollo della NASA – la coppia ha guidato un tubo lungo due piedi nel satellite terrestre, raccogliendo campioni di roccia e suolo da un deposito di frana vicino al cratere Lara.

Il frammento potrebbe rispondere a domande sulla luna e su altri corpi solari.

Oggi siamo in grado di effettuare misurazioni che non erano possibili durante gli anni del programma Apollo“, secondo Sarah Noble, scienziata del programma Apollo Next-Generation Sample Analysis (ANGSA) alla NASA.

L’analisi di questi campioni massimizzerà il ritorno della scienza da Apollo“, ha affermato in una nota. “Oltre a consentire a una nuova generazione di scienziati e curatori di perfezionare le loro tecniche e aiutare a preparare i futuri esploratori per le missioni lunari previste per gli anni 2020 e oltre“.

Per quasi mezzo secolo, i campioni tornarono sulla Terra dall’Apollo 15, 16 e 17 e furono abilmente immagazzinati e conservati per il futuro, quando la tecnologia alla fine avanzerebbe abbastanza per studiarli.

 

NASA: gli esemplari di rocce lunari trovati durante Apollo 17

Due esemplari – 73002 e 73001, entrambi raccolti su Apollo 17 – saranno ispezionati come parte dell’ANGSA.

L’apertura di questi campioni ora consentirà nuove scoperte scientifiche sulla luna e consentirà a una nuova generazione di scienziati di affinare le loro tecniche per studiare meglio i campioni futuri restituiti dagli astronauti di Artemis“, ha dichiarato il curatore degli astromateriali della NASA Francis McCubbin.

Le nostre tecnologie scientifiche sono notevolmente migliorate negli ultimi 50 anni e gli scienziati hanno l’opportunità di analizzare questi campioni in modi non precedentemente possibili”, ha spiegato.

Il campione 73002, aperto questa settimana da Charis Krysher, richiede diversi mesi di elaborazione prima che i componenti possano essere distribuiti al team ANGSA per i test.

Il campione 73001, nel frattempo, verrà svelato a gennaio, una volta che gli scienziati avranno messo a punto piani per catturare i gas della luna raccolti anche nel contenitore.

Diverse generazioni di scienziati, ingegneri e curatori, compresi alcuni che facevano parte dei team Apollo originali, lavoreranno insieme per studiare le rocce. Anche Schmitt, il geologo solitario di Apollo 17, è coinvolto.