vpnNavigando molto spesso in rete, sicuramente vi sarà capitato di vedere articoli o utenti che parlano di IPTV VPN, acronimi sconosciuti ai più, ma che ultimamente sono stati avvicinati moltissimi gli uni con gli altri. Per quale motivo?

Le notizie degli ultimi tempi parlano chiaro, la Guardia di Finanza sta mettendo sotto scacco tutta la pirateria e la visione illegale di Sky gratis con retate ed oscuramenti di siti internet legati al mondo delle IPTV. Molti italiani, e non solo, però non riescono a fare meno di cercare di aggirare il sistema e di godere illegalmente dei contenuti gratuiti, ma con il timore di essere rintracciati e localizzati hanno deciso di affidarsi interamente alle VPN.

 

IPTV e VPN: cosa le lega e perché

Questo è l’acronimo di Virtual Private Network, in poche parole è una rete privata virtuale a cui il consumatore può decidere di connettersi per nascondere la propria provenienza (con l’oscuramento dell’indirizzo IP) e le attività svolte in rete. Il meccanismo alla base del tutto è più semplice del previsto, si viene a creare una sorta di tunnel crittografato che garantisce uno scambio protetto di informazioni tra l’utente ed il server, in questo modo anche se intercettati i dati non potranno mai essere compresi da terze parti. L’indirizzo IP viene inoltre completamente oscurato.

Le migliori VPN richiedono il pagamento di un abbonamento fisso mensile o annuale, il nostro consiglio è di diffidare dalle soluzioni gratuite, si rischia davvero di cadere in trappole o in attività non propriamente legate alle tradizioni.