Apple ha aggiornato apple.com/privacy. Le sue pagine web che spiegano cosa fa l’azienda per proteggere la tua privacy. Sono molto più facili da leggere, permettendoti di sfogliare un elenco di singole app Apple per vedere cosa fanno ognuna per proteggere i tuoi dati personali.

In precedenza, se avessi guardato quell’URL, avresti trovato la dichiarazione generica di Apple su come proteggeva le tue informazioni personali, seguita da un mucchio di informazioni in un ordine confuso, con un layout a due colonne difficile da leggere su qualsiasi tranne più magro delle dimensioni della finestra. Le nuove pagine di Apple portano ancora a una dichiarazione generica sulla privacy, ma ora è molto più facile capire cosa fa ogni app per proteggere la tua privacy su base app per app.

Non sembra che Apple abbia apportato modifiche alle norme nelle nuove pagine. Invece, questo aggiornamento fa un buon lavoro nell’organizzare le informazioni che Apple ha condiviso in passato in un unico posto (comprese le protezioni della privacy aggiunte a iOS 13 e macOS Catalina).

 

Apple: l’aspetto delle nuove pagine e la sua “missione”

Le nuove pagine sembrano simili alla pagina sulla privacy di Google Nest nel suddividere le informazioni in un formato visivo ben organizzato, sebbene il tono di Google renda le sue pagine più simili a un elenco di impegni che allo stile di fatto di Apple. Amazon ha anche una pagina sulla privacy per i dispositivi Alexa ed Echo con informazioni sulle funzionalità e impostazioni della privacy e risposte a domande comuni.

Anche se non c’è molto di nuovo con le pagine aggiornate di Apple, sono ancora un modo utile per vedere tutto ciò che l’azienda sta facendo per la privacy degli utenti. E ha senso che la società sia così irremovibile nel presentare bene le informazioni poiché vuole essere l’unica azienda tecnologica di cui ti puoi fidare.