Halloween è arrivato anche nello spazio. Lo Spitzer Space Telescope della NASA ha osservato una strana “zucca cosmica” nella galassia della Via Lattea.

Una stella gigante, che è circa 15-20 volte più pesante del sole e conosciuta come una stella di tipo O. I risultati di uno studio pubblicato sull’Astrophysical Journal suggeriscono che il forte deflusso di particelle e gas dalla stella molto probabilmente ha spazzato la polvere circostante e il gas verso l’esterno, creando la nebulosa che vediamo sopra.

Il telescopio spaziale Spitzer è in grado di rilevare la luce infrarossa e ha notato la stella nel mezzo della “zucca ghoulish”, motivo per cui gli autori gli hanno dato il soprannome spettrale.

 

NASA: le caratteristiche di questa stella gigante dalla luce simile al colore di una zucca

Tre lunghezze d’onda della luce infrarossa compongono l’immagine colorata della nebulosa sopra. Le tonalità verde e rosso mostrano la luce emessa principalmente dalla polvere che si irradia a varie temperature e la combinazione di verde e rosso produce tonalità gialle. I toni blu rappresentano una lunghezza d’onda emessa principalmente dalle stelle e da alcune regioni riscaldate della nebulosa, mentre le regioni bianche raffigurano dove gli oggetti sono illuminati in tutti e tre i colori. Proprio nel cuore di un guscio di polvere rossa vicino al centro della regione c’è la stella di tipo O, che appare come una macchia bianca.

Una versione ad alto contratto della stessa immagine mette in risalto tutte le diverse lunghezze d’onda e combinate, le lunghezze d’onda verde e rossa creano una tonalità arancione, motivo per cui la nuvola di gas e polvere scavata da un’enorme stella ha un colore simile alla zucca.

Lo studio ha analizzato una regione situata nella regione esterna della galassia della Via Lattea. La luce a infrarossi è stata utilizzata dai ricercatori per contare le giovani stelle in diverse fasi di sviluppo iniziale. I ricercatori hanno anche contato i protostari, noti anche come stelle infantili che sono ancora schermate da fitte nuvole di polvere. Quando i conteggi delle giovani stelle vengono messi insieme ai racconti delle stelle adulte in queste regioni, i dati consentiranno agli scienziati di determinare se i tassi di formazione del pianeta e delle stelle nelle regioni esterne della galassia differiscono da quelli nelle regioni centrali e interne.