Twitter sta vietando tutte le pubblicità politiche il prossimo mese: decisione provvidenziale intrapresa da Jack Dorsey, co-fondatore del social network. Lo stesso ha annunciato che Twitter non pubblicherà più annunci politici a partire dal 22 novembre.

Mercoledì scorso, Dorsey ha condiviso l’aggiornamento in una serie di tweet e ha dichiarato che la politica finale sarà divulgata il 15 novembre, secondo quanto riferito da VICE. Finora, oltre 80.000 utenti di Twitter hanno risposto alla sua discussione, che è stata creata oggi alle 16:00 circa e che ha riscosso un certo interesse in tutta la popolazione.

Abbiamo preso la decisione di interrompere tutta la pubblicità politica su Twitter a livello globale“, ha scritto Dorsey. “Riteniamo che la portata del messaggio politico debba essere guadagnata, non acquistata.

 

Twitter: la discussione di Dorsey circa la decisione imminente

Ha aggiunto “Un messaggio politico guadagna quando le persone decidono di seguire un account o ritwittarlo. Pagare per raggiungere rimuove quella decisione, forzando messaggi politici altamente ottimizzati e mirati sulle persone. Riteniamo che questa decisione non debba essere compromessa dal denaro“.

Dorsey ha continuato a spiegare come gli annunci politici su Internet potrebbero essere una sfida per il discorso civico, a causa di falsi profondi, micro-targeting e ottimizzazione dei messaggi basata sull’apprendimento automatico. Secondo Dorsey, queste sfide influenzeranno tutte le comunicazioni su Internet e solleveranno preoccupazioni di credibilità.

Non si tratta di espressione libera. Si tratta di pagare per raggiungere. E pagare per aumentare la portata del discorso politico ha implicazioni significative che le attuali infrastrutture democratiche potrebbero non essere preparate a gestire “, ha concluso Dorsey. “Vale la pena fare un passo indietro per affrontare“.