scandalo Ford RenaultFord e Renault non stanno regalando soddisfazioni ai propri clienti. Nelle ultime settimane si è discusso di alcuni problemi specifici alle dotazioni di alcuni veicoli. Una lista è stata creata allo scopo di porre in essere i modelli critici cui bisogna fare attenzione da ambo le parti.

Le due realtà commerciali riscontrano problemi a motore e batteria. In entrambi i casi bisogna fare attenzione in quanto il rischio di rimanere a piedi in une situazione critica è piuttosto elevata. Ecco quali sono le auto da tenere in considerazione.

 

Problemi Ford e Renault per le auto in Italia: ecco il nuovo scandalo che coinvolge anche Dacia e Mercedes

I motori Renault rischiano di rompersi. Non è una fake news ma un dato di fatto emerso dopo che alcun automobilisti hanno riscontrato una perdita di olio eccessiva. La mancata lubrificazione degli ingranaggi provoca la rottura degli organi. La società non ha riconosciuto il problema declinando ogni responsabilità agli automobilisti ed alla loro negligenza nella revisione dei veicoli. Si stima che il costo per le riparazioni in proprio ammontino a circa 10.000 euro. Questi i modelli da tenere sotto osservazione.

Renault (motore 1.2 TCe 115, 120 e 130 ch)

  • Captur
  • Clio 4
  • Kadjar
  • Kangoo 2
  • Mégane 3
  • Scénic 3
  • Grand Scénic 3

Dacia (motore 1.2 TCe 115 e125 ch)

  • Duster
  • Dokker
  • Lodgy

Mercedes (motore 1.2 115 ch)

  • Citan

Nissan (motore 1.2 DIG-T 115 ch)

  • Juke
  • Qashqai 2
  • Pulsar

Per le auto Ford, invece, il problema è stato riscontrato nella batteria e nella concreta possibilità che si verifichi una perdita di acido con conseguente cortocircuito elettrico pericoloso. In particolare sono rischiose le versioni Ford Mondeo e la Ford S-Max.

In totale sono oltre 700.000 auto pericolose sparse in tutta Europa. Consigliamo di fare un controllo dei difetti in concessionaria.