La costellazione Starlink di SpaceX, un’enorme rete Internet basata nello spazio, potrebbe espandersi in futuro.

La società ha recentemente richiesto l’autorizzazione dell’International Telecommunication Union (ITU) per il lancio di altri 30.000 satelliti Starlink, secondo quanto riferito da SpaceNews.

La costellazione di Starlink di SpaceX è stata introdotta come un progetto Internet basato sullo spazio che ha coinvolto 12.000 satelliti, ha osservato Engadget. La US Federal Communications Commission (FCC) e l’ITU hanno già dato a SpaceX il via libera per i 12.000 satelliti Starlink. Ora, l’azienda vorrebbe far crescere la sua costellazione di Starlink in modo che le persone possano accedere a Internet migliore in tutto il mondo.

 

SpaceX: in che modo l’azienda vorrebbe crescere e le difficoltà

Mentre la domanda si intensifica per Internet veloce e affidabile in tutto il mondo, in particolare per quelli in cui la connettività è inesistente, troppo costosa o inaffidabile, SpaceX sta adottando misure per ridimensionare responsabilmente la capacità di rete totale di Starlink e la densità dei dati per soddisfare la crescita delle esigenze previste dagli utenti SpaceX” ha dichiarato al MIT Technology Review in una nota stampa.

La FCC ha inviato 20 documenti all’ITU per l’espansione della costellazione di Starlink. Ogni deposito ha richiesto l’autorizzazione a lanciare 1.500 satelliti in diverse orbite terrestri basse che vanno da 204 a 360 miglia.

Tuttavia, ci sono alcune preoccupazioni riguardo alla costellazione di Starlink: Roger Thompson dell’Aerospace Corporation ha dichiarato al MIT Technology Review che anche se le altitudini sopra descritte sono dove lo spazio è il più libero da detriti, è anche un’area in cui i veicoli spaziali con equipaggio tendono a volare. SpaceX dovrà considerare queste sfide mentre prevede di far crescere la costellazione di Starlink.

A maggio, SpaceX ha lanciato 60 satelliti Internet Starlink dalla stazione aeronautica di Cape Canaveral in Florida. Questo gruppo di satelliti è stata la prima parte batch della costellazione Starlink dell’azienda, che mira a fornire accesso a Internet alle persone che vivono in regioni remote in tutto il mondo.