carte di credito clonate sim clonate amazon

Nella maggior parte dei casi di truffa ai fini di estorsione di denaro dai conti corrente fisici o online delle vittime, spesso sono coinvolte le clonazioni di carte di credito o SIM telefoniche Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia. Ma non potevamo immaginare che un dispositivo che è in grado di leggere e scrivere ogni tipo di carta e SIM è in vendita per pochi euro su Amazon.  

Come viene mostrato nel video in basso, se clonare una scheda telefonica o un carta è un processo complicato che richiede molto tempo, gli hacker hanno trovato terreno fertile anche nell’acquisto di strumenti utili a delinquere.

 

Carte di Credito e SIM clonate: come avvengono le truffe con Amazon

Come detto, il lettore e scrittore di carte SIM, carte di credito con chip e banda magnetica riesce a leggere e scrivere su qualsiasi cosa, comprese le carte di identificazione moderne che andranno a sostituire il cartaceo.

Una volta acquistato da Amazon ci arriverà in una scatola con tanto di mini disc dei driver per utilizzare questo lettore e una mini guida. In più, nel kit di acquisto troverete anche una ventina di EMV, ovvero dei chip per carte di credito programmabili dal computer, e delle carte con bande magnetiche vuote. 

Leggi anche:  Google e Amazon battono Whatsapp e FaceBook, Huawei al 25° posto

Nel video si vede che l’autore riesce facilmente a clonare la sua carta di credito sulla tessera sanitaria tramite il software, il quale richiede lo swipe della carta di partenza in lettura per poi sovrascrive i dati ottenuti sulla sua tessera sanitaria tramite un secondo swipe. Incredibilmente, l’autore va poi a un bancomat per ritirare dei soldi e, come prevedibile, l’ATM non distingue la differenza. Allo stesso modo, quando si reca a comprare al bar un bibita il POS dell’esercente non fa una piega.

Se la banda magnetica è però clonabile facilmente, ci vuole molto di più per violare le carte con chip e chip contact-less. Questo perché in questi micro processori c’è un programma che risponde soltanto alle interrogazioni del POS o del bancomat ed è difficile da clonare per un utente medio senza essere un hacker.

Difficile, ma non è impossibile.