buchi neri

Le scoperte sulle attività dei buchi neri super massicci stanno appassionando la comunità scientifica come milioni di fan in tutto il mondo. Le foto, le teorie confermate o smentite su questi oggetti cosmici estremi impegnano diversi ricercatori e telescopi nel globo proprio per la loro natura misteriosa.

Al pari del progresso tecnologico che ci permette di esplorare lo spazio con maggiore efficacia, molti scienziati sono convinti che svelare i misteri dei buchi neri ci porterà a comprendere l’Universo e a sfruttarne le leggi. Ma di certo non siamo minimamente preparati ad affrontare le conseguenze di avere uno di questi mostri nel Sistema solare. 

Se un video ci mostra cosa può fare un buco nero a una stella come il Sole se gli passa vicino, come reagirebbe la Terra all’attrazione di un fenomeno cosmico nel nostro sistema solare? Vediamo insieme cosa accadrebbe mettendo in evidenza le nozioni fisiche divulgate.

 

Buchi neri: scopriamo perché anche noi siamo in pericolo

Le caratteristiche dei buchi neri sono abbastanza note e possiamo anticipare le conseguenze di una loro presenza nel sistema solare con questo elenco:

  • Essendo oggetti con una massa da dieci a milioni di volte quella del Sole, se ce ne fosse uno posto ai confini del sistema sarebbe evidente per la distorsione del tessuto spazio-temporale sulla Nube di Oort e la Fascia di Kuiper.
  • Quando una sonda o un razzo spaziale si avvicina troppo a un buco nero, la gravità estrema del disco di accrescimento è così forte da ridurre in pezzi qualsiasi cosa.
  • Il Sole non diventerà mai un buco nero alla fine della vita, piuttosto una nana gialla dopo la fase di gigante rossa. Al contrario, un buco nero proviene da una supernova di una stella almeno 10-20 volte più grande del nostro Sole.
  • Se un buco nero stesse dirigendosi verso la Terra, risucchierebbe qualsiasi cosa sul cammino e modificherebbe le orbite degli altri pianeti. Sul nostro mondo, invece, cominceremmo a sperimentare maree inusuali e strani colori del cielo.
  • Se anche la nostra orbita dovesse subire modifiche sotto l’influenza del buco nero, con ogni probabilità sarebbe la fine della vita. Oltre gli eventuali impatti con altri pianeti, la Terra potrebbe sfuggire all’attrazione orbitale del Sole e andare alla deriva nello spazio interstellare.
  • Anche le dimensioni contano, poiché i buchi neri super massicci renderebbero le nostre esistenze sarebbero molto brevi. Al contrario, se fosse un oggetto molto piccolo avrebbe un’influenza ridotta: un’ipotesi alla base delle perturbazioni nella Fascia di Kuiper.
  • Se fosse in prossimità della Terra, un buco nero delle dimensioni di Sagittarius A Star, quello al centro della Via Lattea, ci potrebbe divorare in 16 secondi.
  • In definitiva, però, se sopravviviamo a un buco nero non moriremmo: dentro quesiti oggetti tempo e spazio non hanno alcun senso conosciuto.