All’inizio di quest’anno, il CEO di Apple ha commentato l’importanza della salute per l’azienda. Durante un’intervista ha detto: “In futuro chiederanno: Qual è stato il più grande contributo di Apple all’umanità? Sarà qualcosa riguardante la salute.” Questo è lo spirito alla base degli Apple Watch.

Anche se l’ha detto solo alcuni mesi fa, è una direzione che l’azienda ha da anni. L’Apple Heart Study, condotto recentemente in collaborazione con Stanford, è stato il più grande studio a riguardo. Ha esaminato la fibrillazione atriale al fine di fornire la convalida per la notifica del ritmo irregolare, una funzione disponibile sulla maggior parte dei modelli di SmartWatch dell’azienda. 

Apple ha inoltre annunciato tre nuovi studi, che appariranno in una nuova app, disponibili entro la fine dell’anno. Il primo è lo studio sulla salute delle donne, i cicli mestruali e le condizioni ginecologiche. Poi c’è lo studio del cuore e del movimento, che esamina come la frequenza cardiaca e i segnali di mobilità come il ritmo del cammino si collegano a cadute, salute del cuore e altro ancora. E lo studio dell’udito per esaminare i diversi fattori che interagiscono. Ad esempio, il primo Apple Watch aveva un cardiofrequenzimetro incorporato, non perché la società voleva che la salute del cuore fosse l’obiettivo principale, ma semplicemente perché avrebbe dato un conteggio dei passi molto più accurato rispetto ai monitor di fitness concorrenti. 

Apple ha scelto il cuore come simbolo dei suoi smartwatch, le funzioni sono svariate ma il focus è la salute

La prima lettera che abbiamo ottenuto per aver salvato la vita di qualcuno solo con il cardiofrequenzimetro, sì, siamo rimasti sorpresi. Chiunque può andare a guardare lo smartwatch e ottenere il proprio battito cardiaco. Ma poi abbiamo iniziato a ottenere sempre di più e ci siamo resi conto di avere un’enorme possibilità. La salute è una dimensione così importante, ma il dispositivo fa anche altro, dal dire il tempo all’invio di messaggi o effettuare chiamate e così via“. È questo mix l’elemento vincente.

Ci sono così tante funzionalità con Apple Watch che è diventato un best-seller. Sì, Apple è un produttore di telefoni, non una società di assistenza sanitaria, quindi c’è stato un momento di perplessità da parte della comunità medica? Desai dice: “Sì, penso che la comunità medica sia davvero entusiasta del fatto che stiamo facendo questo con loro. L’industria medica, e in particolare la comunità di ricerca, ritengono che questa sia un’opportunità interessante per saperne di più su un individuo. Le persone potrebbero percepire le cose prima, quindi sono in grado di essere più proattive e preventive con la loro salute. E quindi è qualcosa che stanno accogliendo a braccia aperte. Hanno apprezzato il fatto che non stiamo semplicemente gettando la tecnologia oltre il muro, ma in realtà stiamo provando a fare la differenza insieme a loro”.

L’anno scorso, l’Apple Watch ha iniziato a monitorare le frequenze cardiache di chi lo indossa. Stefan Youngs, un ricercatore di 74 anni, importante figura nel mondo dell’aviazione, ha vissuto un’esperienza straordinaria. Vive a Norwich e un giorno ha ricevuto una notifica sul suo Apple Watch che lo ha portato a leggere un ECG. “Sono un ex sportivo e mi tengo in buona salute, quindi sono stato sorpreso un giorno quando ho avuto un colpetto al polso dicendo che ho mostrato sintomi di fibrillazione atriale. Non avevo sintomi visibili. Sono andato direttamente in A&E. Erano scettici ma ho mostrato loro l’ECG sul mio iPhone. Mi hanno messo su un elettrocardiografo a 12 derivazioni e il medico ha chiesto di rivedere l’ECG del telefono. Ha detto che era altrettanto preciso”.

Gli Apple Watch mirano ad integrare più funzioni possibili per proteggere la nostra salute

Youngs è stato subito messo in terapia e non ha più fibrillazione atriale. “Così, ho scritto a Tim Cook per dirglielo“, ha detto. “Ho detto che avrei pagato 400 euro per il dispositivo, ma avrei pagato mille volte per quello che ha fatto per me.” Gli ha salvato la vita. Il CEO ha affermato: “Non stiamo vedendo alcuna resistenza. In realtà, il contrario. Stiamo assistendo a un richiamo, che provenga da aziende farmaceutiche, fornitori o università, sono interessati alle opportunità. Una delle cose che è stata così importante è il nostro approccio alla privacy e ai dati. Non c’è niente di più sensibile dei tuoi dati sanitari. Penso che il nostro approccio alla privacy sia di grande aiuto.”

Quindi, più progressi richiedono più aggiornamenti hardware? Lynch afferma che è solo una parte della storia. “Gli studi sul cuore sono un buon esempio. Con il monitor esistente nello smartwatch, siamo stati in grado di ottenere letture AFib. Ciò non ha richiesto un cambiamento nell’hardware, ma ha richiesto innovazione in termini di algoritmi software e machine learning su tali dati, nonché la ricerca clinica che sta dietro e porre le domande giuste. C’è già così tanto su cui possiamo lavorare. Si tratta davvero di scegliere le nostre aree di interesse e di porre domande davvero utili che poi portano a risposte perspicaci. Questo è il viaggio che stiamo intraprendendo. C’è così tanto da imparare. Ci sono così tante aree su cui potremmo concentrarci. E questa è strategicamente la cosa più importante per noi: chiederci dove possiamo dare un contributo significativo?”

“Non pensiamo in termini di tutto, pensiamo in termini di dove vediamo che possiamo avere un impatto. Tutto inizia con l’individuo. Da lì. Quando hai un problema con la tua salute, tutto il resto cade in fondo alla lista. Così,  non abbiamo escluso nulla. Quando abbiamo centinaia di milioni di telefoni nelle tasche delle persone e decine di milioni di dispositivi al polso delle persone, oltre alla fiducia dei clienti, beh, questa è un’opportunità che non possiamo sprecare.”