Renault, che scandalo: 400mila auto a rischio rottura motore

Ormai da diversi mesi l’allarme è stato lanciato in Francia ed è arrivato in giro per l’Europa. A quanto pare in casa Renault ci sarebbero gravi problemi per quanto riguarda alcune auto e più di preciso per quanto riguarda il motore.

A lanciare l’allarme in maniera diretta è stato il mensile dei consumatori Oltralpe QueChoisir che riporta in questo caso una problematica inaspettata.

Il motore H5FT, montato fino al 2018 su molti modelli come Clio 4, Mégane 3 e Scénic 3, è soggetto a rotture in caso di consumoeccessivo di olio. Renault non riconosce il problema e non vuol pagare gli esosi costi di riparazione”.

Secondo i rilievi effettuati il problema riguarderebbe oltre 400 mila vetture ma non solo all’interno di casa Renault. Infatti le motorizzazioni del colosso francese vengono fornite anche ad altri marchi come ad esempio Nissan, Dacia e Mercedes.

Leggi anche:  Renault e Ford nella bufera: rischio incendio per le auto

Tutto secondo le fonti sarebbe derivato da una nota interna di Renault che sarebbe andata a finire nelle mani del mensile francese sopra indicato. Tale documento, originario del 5 giugno 2015 poi aggiornato al successivo 12 febbraio 2018, parla senza mezzi termini del problema in merito al consumo dell’olio, che sarebbe in alcuni casi superiore a 1 litro per 1000 km.

La lista dei modelli Renault (e non solo) coinvolti

I modelli sui quali è montato il motore 1.2 (tipo H5FT):

Renault (motore 1.2 TCe 115, 120 e 130 ch)

  • Captur
  • Clio 4
  • Kadjar
  • Kangoo 2
  • Mégane 3
  • Scénic 3
  • Grand Scénic 3

Dacia (motore 1.2 TCe 115 e125 ch)

  • Duster
  • Dokker
  • Lodgy

Mercedes (motore 1.2 115 ch)

  • Citan

Nissan (motore 1.2 DIG-T 115 ch)

  • Juke
  • Qashqai 2
  • Pulsar