Boeing: la soluzione ai problemi con il nuovo aereo a propulsione nucleare

La principale casa di aeromobili, che tra l’altro risulta la più venduta in assoluto, è certamente Boeing, compagnia che negli ultimi anni ha dimostrato molto ma è stata anche al centro di varie problematiche. Infatti le vicende che hanno riguardato i disastri del modello 737 Max hanno ribassato e non di poco le quotazioni dell’azienda.

Proprio per provare a risolvere queste problematiche l’azienda ha poi prontamente presentato nuovi progetti, tra cui anche il suo nuovo velivolo. Stiamo parlando del suo aereo a propulsione nucleare, progetto che è stato depositato ormai nel lontano 2012. Lo scopo era quello di cambiare tutto nel mondo degli aerei, con un principio di funzionamento ben diverso rispetto ai normali aeromobili di Boeing.

 

Ora Boeing non può più sbagliare: ecco come funziona la situazione con il nuovo progetto

Tutti da quando è arrivata la notizia si interrogano sul funzionamento effettivo di questo nuovo aereo progettato da casa Boeing. Il tutto è possibile grazie ad un laser molto performante che bombarda ripetutamente sostanze radioattive come ad esempio il Trizio.

Leggi anche:  Boeing 737 dopo il disastro: svelata la causa degli incidenti aerei

La vaporizzazione anche del Deuterio, altra sostanza compresa nella combustione necessaria al funzionamento, porta alla conseguente espulsione dal retro dell’aereo in concomitanza con l’elio.

Tale sistema potrà essere compreso solo all’interno dei modelli con una camera ad innesco nucleare, nella quale si libererà energia termica. Ovviamente, viste le sostanze impiegate, potrebbe rivelarsi un pericolo ma a quanto pare gli studi sono in corso per evitare qualsiasi problema a riguardo. Boeing in effetti non può più permettersi di avere grane in pubblico.