trucchi WhatsApp nascostiWhatsApp viene usata da miliardi di utenti e si migliora con l’aggiunta di nuove funzionalità in arrivo con gli aggiornamenti. Ad ogni modo è lo stesso sviluppatore a negare alcune opzioni che potrebbero tornare utili ai cosiddetti “smanettoni delle chat”. Sfoderando alcuni trucchi inediti è possibile sbloccare tali funzioni utilizzandole a proprio piacimento contro il volere di Facebook. Scopriamo insieme quali sono.

 

WhatsApp: come sbloccare le opzioni segrete delle chat

Il portale El androide libre spiega come sia possibile attivare funzioni nascoste in WhatsApp. Si utilizzano due app gratuite diverse. La prima si chiama VMOS ed è disponibile nel Play Store di Google quale strumento per virtualizzare una seconda versione del sistema operativo. La seconda è WA Tweaker, utility per attivare le opzioni speciali dell’applicazione.

Come prima cosa scarichiamo ed installiamo VMOS da Google Play creando un OS Android parallelo al nostro. Qui gestiamo tutto senza modificare le impostazioni e le chat dell’app originaria. Apriamo l’app e selezioniamo l’icona a forma di cartellina gialla. Vengono ora mostrate alcune opzioni. Selezioniamo sia WhatsApp che WA Tweaker e clicchiamo poi sulla voce Import, individuabile nella parte bassa della schermata. Arrivati a questo punto selezioniamo ‘Impostazioni di sistema’, poi ‘Informazioni sul telefono’ e premiamo per dieci volte la voce ‘Numero di compilazione’.  Attiviamo quindi le opzioni sviluppatore per gestire permessi di root ed attivazione VMOS.

Leggi anche:  Google fa paura a Whatsapp e Telegram, in arrivo un nuovo servizio

Adesso digitiamo il numero di telefono all’interno dell’app clone di WhatsApp in VMOS e apriamo l’utility WA Tweaker. Questa consente di gestire le vere e proprie funzioni esclusive all’interno dell’app verde. Si possono personalizzare più aspetti, tra cui: sfondi, sticker animati e accesso con impronta digitale. Ma esiste un problema. Così facendo, infatti, si rischia il ban in quanto Facebook non prevede tale livello di utilizzo per la propria app. La possibilità di essere scoperti e beccati esiste,