Canone rai

Il pagamento del Canone RAI affligge i telespettatori di tutta Italia ogni anno. Nel corso del tempo molte volte si è cercato di evadere questa imposta non pagandola, ma non sempre tale scelta è risultata una buona scelta. attraverso l’inserimento del canone direttamente in bolletta, poi, è diventato obbligatorio al 100% questo pagamento e ogni tipo di scappatoia è stata eliminata per evitare di archiviare ancora dei casi come quelli suddetti.

In ogni caso, i telespettatori d’Italia non  demordono e ancora insoddisfatti di questo Canone RAI portano avanti petizioni e richieste per la relativa abolizione. 

Canone RAI: la legge afferma che in alcuni casi può non essere pagato

Non tutti sanno che, in alcuni casi, il pagamento del Canone RAI può essere evitato, il tutto attraverso il rispetto della legge. sebbene queste situazioni siano un vero e proprio numero chiuso e non possano soddisfare la maggior parte degli italiani, comunque qualcuno può evitare di pagare l’imposta in maniera sicura e senza trasgredire la normativa. prima di procedere con i casi veri e propri, ricordiamo ai nostri lettori che anche chi non possiede un dispositivo capace di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale del digitale terrestre non è tenuto al pagamento del canone.

Leggi anche:  Canone Rai: ecco come dire mai più all'imposta sulla televisione

I casi di esenzione sono dedicati a:

  • Coloro che hanno un’età uguale o superiore ai settantacinque anni e un reddito non superiore a 6.713,98 euro.
  • I funzionari di un’organizzazione internazionale.
  • I militari di cittadinanza non italiana e/o che fanno parte del personale civile non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenenti alle forze armate della NATO (art. 10 della Convenzione di Londra del 19 giugno 1951).
  • Gli agenti diplomatici (art. 34 della Convenzione di Vienna del 18 aprile 1961).
  • I funzionari o gli impiegati consolari (art. 49 della Convenzione di Vienna del 24 aprile 1963).