Tesla sta sviluppando le sue batterie

Secondo alcune fonti e qualche piccolo indizio sparso qua e là, Tesla sta sviluppando in segreto le proprie batterie agli ioni di litio, mentre ha già predisposto delle linee industriali per produrle in grandi quantità.

Fonti interne alla società hanno svelato all’emittente USA CNBC che Tesla potrebbe sganciarsi in futuro da Panasonic. E non è difficile immaginare perché l’azienda di Elon Musk voglia avere controllo diretto su una componente così importante per i suoi veicoli elettrici.

 

Tesla starebbe lavorando in segreto allo sviluppo delle proprie batterie

Alcune delle ricerche sulla produzione di batterie in house pare stiano avvenendo in un centro sperimentale situato a breve distanza dalla fabbrica di Fremont, in California. Purtroppo dettagli più precisi non ce ne sono, ma sembra che Tesla stia progettando una soluzione innovativa che possa superare la tecnologia agli ioni di litio. Come già accennato in precedenza, un indizio è l’acquisizione di Maxwell di un paio di settimane fa.

Leggi anche:  Panasonic: le novità da IFA 2019, ecco quali

Se ciò fosse vero, Tesla potrebbe dunque cambiare il destino delle proprie auto e di tutto il comparto delle motorizzazioni elettriche se le sue batterie saranno ottimizzate in durata, accelerazione e longevità. Un beneficio sicuramente decisivo per Musk e soci sarà la riduzione dei costi a bilancio, ma nel contempo si deve mantenere un rapporto di fiducia con Panasonic per evitare la crisi dell’intera catena produttiva.

Per ora è sicuro che Panasonic rimarrà un partner fondamentale di Tesla, almeno per l’immediato futuro, o almeno finché l’azienda di Musk non sia pronta a produrre la sua batteria. Se anche Tesla sviluppasse un prodotto valido, il know how di Panasonic potrebbe risultare decisivo a livello di grandi numeri produttivi.