whatsapp-facebook-telegram-problemi-sicurezza

La settimana scorsa, è stato riferito che alcuni hacker erano riusciti a installare spyware su un numero elevato di smartphone. Questo grazie ad una vulnerabilità precedentemente non verificata sulla piattaforma di messaggistica WhatsApp. Da allora, la società ha rilasciato un aggiornamento per correggere il problema.

Ora, il fondatore di un servizio di messaggistica rivale, Telegram, afferma che gli utenti di WhatsApp non dovrebbero mai aspettarsi che la piattaforma sia al sicuro.

WhatsApp attaccato dal fondatore di Telegram

In un post sul sito blog di Telegraph, il fondatore di Telegram Pavel Durov ha affermato che i problemi di sicurezza di WhatsApp derivano in parte dalla decisione della sua casa madre di Facebook di non rilasciare il codice sorgente nell’app. Durov sostiene che WhatsApp va ancora oltre e cerca di sfocare i binari dell’app.

Questo significa che i ricercatori della sicurezza del software non possono dare un’occhiata dettagliata per scoprire problemi di privacy. Inoltre, Durov ipotizza che Facebook e WhatsApp possano consentire alle agenzie governative di accedere a backdoor per combattere i criminali informatici.

Questa non è la prima volta che Durov si esprime in merito a Whatsapp. Quando la piattaforma aggiunse il supporto per la crittografia end-to-end a tutte le comunicazioni dell’app nel 2016, il fondatore di Telgram dichiarò che quei messaggi perdono il loro stato crittografato quando viene eseguito il backup.

Esso ha aggiunto:

“Guardando indietro, non c’è stato un solo giorno nell’intero arco di 10 anni di WhatsApp cui il servizio era sicuro”. Durov Crede che semplicemente aggiornando l’app non si renderà più sicuro l’utilizzo della piattaforma.