L’annuncio è stato dato in via ufficiosa qualche mese fa, ma negli scorsi giorni ne è arrivata la conferma ufficiale con tanto di data: a partire dal prossimo 3 Maggio, l’abbonamento Netflix subirà un rincaro, il primo dall’ottobre di due anni fa.

Gli utenti Netflix che vorranno continuare ad usufruire del servizio di streaming, dovranno quindi prevedere un aumento sul canone mensile dell’abbonamento attivo che permette loro di guardare tutti i titoli del catalogo ad una qualità e su un determinato numero di dispositivi che varia, poi, a seconda della formula scelta. I rincari arrivano proprio a pochi mesi dal debutto di altre piattaforme di streaming video: Apple TV+ e Disney+.

Netflix: da Maggio l’abbonamento al servizio di streaming costerà di più

L’aumento sarebbe dovuto all’esigenza di migliorare il servizio offerto e finanziare la produzione di nuovi contenuti originali, essendo questi il reale valore aggiunto che ha permesso a Netflix di distinguersi dalla concorrenza e conquistare la leadership nel settore dello streaming video.

Leggi anche:  Netflix: i contenuti eliminati nella prima settimana di settembre

Il rincaro, per il momento, interesserà solamente gli utenti USA, che stanno in queste ore ricevendo l’apposito messaggio informativo che informa loro circa l’imminente cambiamento. In particolare:

  • Il piano Base passerà da 7,99 dollari a 8,99 dollari al mese;
  • Il piano Standard passerà da 10,99 dollari a 12,99 dollari al mese;
  • Il piano Premium passerà da 13,99 dollari a 15,99 dollari al mese.

L’aumento potrebbe, con molta probabilità, nei prossimi mesi interessare anche gli utenti italiani, e secondo alcune informazioni trapelate in rete, i prezzi degli abbonamenti Netflix potrebbero essere i seguenti:

  • Il piano Base passerà da 7,99 euro a 8,99 euro al mese;
  • Il piano Standard passerà da 10,99 euro a 12,99 euro al mese;
  • Il piano Premium passerà da 13,99 euro a 16,99 euro al mese.