Telegram

Ormai tutti conosciamo l’applicazione di messaggistica istantanea Telegram, che nell’ultimo periodo ha guadagnato oltre 3 milioni di utenti, a differenza di altre applicazioni anche più utilizzate.

Sicuramente ricorderete il down che ha coinvolto la chat di Facebook, WhatsApp e Instagram negli scorsi giorni. Il CEO di Telegram, Pavel Durov ha voluto dire la sua. Scopriamo tutti i dettagli.

 

Telegram a differenza di WhatsApp, Instagram e Facebook guadagna 3 milioni di nuovi utenti

Lo scorso 13 marzo 2019 le piattaforme Instagram, Facebook e WhatsApp hanno avuto un blackout durato diverse ore. Il down fortunatamente per loro, non ha impedito agli utenti di utilizzare le applicazioni, ma solamente alcuni servizi come l’invio dei file multimediali, la pubblicazione di storie. Gli utenti, hanno subito trovato un altro modo per comunicare, Telegram, applicazione da molti sottovalutata ma che offre anche più funzioni di quelle citate precedentemente.

Leggi anche:  Whatsapp distrutto dalla vecchia app che invia messaggi senza connessione

Durante il WhatsApp down Telegram ha guadagnato ben 3 milioni di nuovi utenti. Così mentre un CEO, Mark Zuckerberg cercava di risolvere i problemi delle sue applicazioni, l’altro, Pavel Durov, festeggiava i nuovi utenti sul proprio canale. Un portavoce di Facebook ha voluto tranquillizzare i propri utenti: “diverse persone hanno segnalato dei malfunzionamenti nella famiglia delle app Facebook, cercheremo di risolvere il problema il prima possibile, ed escludiamo che il blocco sia dovuto ad un attacco informatico“.

Pavel Durov nel frattempo ha confermato che la propria piattaforma non ha mai rilasciato a terze parti i dati archiviati nell’applicazione. Proprio per questo motivo l’applicazione è stata vietata in alcuni paesi come la Russia e l’Iran. Durov nel suo discorso lancia una frecciatina al caso Cambridge Analytica che ha coinvolto Facebook.