google maps modalità uccello

Sicuramente in molti di voi siete stati utilizzatori della Modalità Satellite su Google Maps, ma forse non tutti sanno che il nome di questo strumento doveva essere un altro rispetto a quello scelto. La bizzarra storia è stata confermata direttamente da uno degli illustri personaggi che hanno sempre mosso le fila dell’app Maps, e parliamo niente meno che del suo co-creatore Bret Taylor.

Taylor è ormai un ex dipendente di Google, ma ha deliziato il pubblico che lo segue con una serie di divertenti tweet pubblicati sul suo profilo, i quali contengono aneddoti e racconti sulla nascita del nome di questa modalità dall’alto. Second Taylor Google Maps si sarebbe dovuto dotare di una “Bird Mode“, ovvero di una “Modalità Uccello” che mai avremmo voluto tradurre.

Se la denominazione oggi non vi suona molto aggraziata, figuriamoci nel 2005 quando il team  stava cercando un nome per la modalità con visuale dall’alto delle foto reali del pianeta.

Leggi anche:  Google Maps: nuovo aggiornamento per il navigatore più amato

 

Google Maps e la modalità Satellite che doveva chiamarsi Uccello

“Scartati gli uccelli”, i nomi più papabili per la visuale reale dall’alto erano diventati dunque “Modalità aeroplano” e appunto “Satellite“ ma, dopo alcune riunioni tra Taylor e altri importanti dirigenti di Google, il nome scelto è stato proprio quest’ultimo. Ma anche Satellite è un nome inappropriato per questa modalità dall’alto, poiché tale denominazione fuorvia l’utilizzatore credendo che si usino foto extra pianeta. In realtà, molte delle foto visualizzabili sono state scattate da aerei in alta quota e non da satellite.

Nonostante questo piccolo dettaglio tutto sommato trascurabile, il senso del nome della modalità “Satellite” ha avuto un ottimo successo: è abbastanza intuitivo e ha fatto breccia tra gli utenti.