5G

Rovente come il fuoco il 5G sta animando il chiacchiericcio degli appassionati di tecnologia da ormai qualche mese. Destinato ad invadere il nostro paese a partire dal 2020, il nuovo standard per le connessioni mobili si differenzierà dall’attuale per alcuni elementi chiavi: primo tra tutto il suo non essere low cost. 
Durante l’ultimo anno è diventato sempre più frequente trovare tariffe dalle soglie alte e prezzi proporzionalmente inversi, ma purtroppo, a partire dall’anno prossimo si potrebbe verificare una situazione alquanto diversa. Tim, Wind Tre, Vodafone e Iliad potrebbero trovarsi a dover applicare delle tariffe costose per poter vedere un rientro degli investimenti effettuati. Andrà a finire così? Non è sicuro, ma ecco un possibile scenario.

Offerte da 30 euro al mese per Tim, Wind Tre, Vodafone e Iliad: cosa aspettarsi?

Noto come Internet of thing, il 5G apporterà all’utente diverse novità tra le quali una domotica super implementata e delle velocità galattiche; alcune cifre vorrebbero quest’ultima maggiore di 100 – 1000 volte di quella in 4G! Nonostante tutte queste notizie bisogna restare realisti: utilizzare la nuova connessione mobile non sarà affatto economico: con l’obbligo di acquistare uno smartphone dedicato e di cambiare tariffa le cifre iniziano a toccare i tre zero.

Leggi anche:  6G meglio del 5G: ecco le novità della prossima rete a banda larga

Relativamente ai devices sappiamo che il loro costo aumenterà di qualche centinaio di euro e se tutte le aziende seguiranno l’esempio di Samsung, beh, si dovrà spendere più di quanto previsto. Relativamente alle offerte di telefonia mobile, invece, la nostra supposizione si base sull’andamento del mercato mondiale che vede le tariffe a partire da ben 50 euro al mese. Tim, Wind Tre, Vodafone e Iliad potrebbero applicare i medesimi costi per poter recuperare gli investimenti fatti, ma ancora non è detta l’ultima!