Facebook privacy

Torniamo ancora una volta a parlare del social network Facebook, che quest’anno ha dovuto affrontare diversi problemi con la privacy dei propri utenti. Partendo dallo scandalo Cambridge Analytica di quasi un anno fa, fino ad arrivare al grave bug degli ultimi giorni.

Tutti questi “inconvenienti” della piattaforma di Mark Zuckerberg hanno portato moltissimi utenti a cambiare piattaforma su cui perdere il proprio tempo. Instagram è infatti al momento il social più apprezzato. Scopriamo ora il bug di questi giorni.

 

Facebook: un grave bug mette in pericolo la privacy di milioni di utenti

Un grave problema è venuto ora alla luce, le foto di circa 6.8 milioni di utenti, iscritti alla piattaforma, sono state esposte a causa di questo bug. Il periodo a cui ci stiamo riferendo è dal 13 e il 25 settembre 2018. Al momento non è ancora chiaro se le foto in questione siano state viste da qualcuno, ma sicuramente possiamo affermare che durante quei 12 giorni sono state esposte all’accesso da parte di applicazioni di terze parti.

Leggi anche:  Facebook sta per stravolgere la sua app mobile con queste caratteristiche

Questa è sicuramente una delle conseguenze dei permessi dati alle applicazioni di terze parti, che espongono ad un maggior numero di rischi tutti gli utenti. Il problema in questione però, si è anche verificato in quanto la piattaforma conserva una copia di tutte le foto che sono caricate, anche se l’utente non le ha condivise sul proprio profilo.

Secondo i dati rilasciati dall’azienda, il bug ha riguardato 1500 applicazioni di 876 sviluppatori diversi. La piattaforma ha anche dichiarato che il bug in questione è stato risolto lo scorso 25 settembre e non avrebbe messo a rischio le immagini condivise sull’applicazione Messenger. Probabilmente la notizia è emersa solo ora perché la piattaforma ha dovuto inviare una notifica ad un’autorità preposta, come prevedono le nuove norme del GDPR.