sicurezza riconoscimento facciale AndroidGli smartphone Android top di gamma del 2018 hanno previsto l’integrazione del riconoscimento facciale come su iPhone X. Ma non è lo stesso sistema. Nel contesto dei sistemi del robottino verde la sicurezza non viene presa sul serio, tanto che un esperimento ha confermato che iPhone X è più sicuro di qualsiasi telefono Android.

 

Riconoscimento facciale poco sicuro su Android, premiata Apple

Forbes ha creato un volto in 3D con il preciso scopo di testare l’affidabilità dei sistemi di riconoscimento facciale dei dispositivi. I risultati dei testo sono stati poco rassicuranti, almeno per quanto riguarda i terminali Android. Tutti i telefoni presi in esame sono stati bocciati, eccezion fatta per iPhone X che è stato l’unico a non essere ingannato.

L’azienda inglese Backface di Birminghan ha stampato il volto usando le immagini 50 telecamere ed un software di editing per la correzione delle imperfezioni. Il modello a grandezza naturale è stato plasmato su uno strato di polvere di gesso per un costo totale che non ha superato i 300 dollari.

Una volta pronta la sagoma si è passati ai test. Volto alla mano si è messo in posa il calco di fronte alle fotocamere di LG G7 ThinQ, Samsung Galaxy S9, Samsung Note 8 e OnePlus 6. Il telefono della compagnia cinese è stato il più vulnerabile. Non è andata meglio per i telefoni sudcoreani su tutta la linea. D’altronde le aziende tengono a specificare che “Il tuo telefono potrebbe essere sbloccato da qualcuno o qualcosa che ti assomiglia”. Si tratta in buona sostanza di un sistema di accesso secondario e per questo non perfettamente sicuro.

Leggi anche:  Android: Google appronta un aggiornamento speciale per questi telefoni

LG G7 e Galaxy S9 sono stati i meno vulnerabili, almeno per quanto riguarda l’IRIS Scan. Niente da fare, invece, per la scansione del volto che ha concesso l’accesso al sistema dopo una serie di prove che hanno previsto diverse angolature ed illuminazioni.riconoscimento facciale iPhone XIl Face ID iPhone X ha negato qualsiasi accesso. Ingannarlo è praticamente impossibile. L’ottimizzazione Apple ha dato buon esito e si è corrisposta al livello di sicurezza imposto nei PC con i sistemi proprietari Microsoft per Windows Hello. Anche in questo caso il sistema è risultato essere inaccessibile.

Come sempre, consigliamo di usare password forti e pin difficili da intercettare. Sono questi i metodi di accesso da preferire. Come si è appreso da questa prova, è facile falsificare i dati biometrici.