WhatsApp: allarme rosso, nuovo metodo legale e gratis per spiare gli utenti

WhatsApp coinvolge ogni giorni circa un miliardo di utenti in giro per il mondo. La chat è divenuta sacra per molte persone che proprio su di essa concentrano la stragrande parte delle comunicazioni quotidiane. Per questo motivo agli sviluppatori viene chiesta un lavoro assiduo per quanto concerne le protezione e la sicurezza. Il passato ci insegna che hacker di maggiore o minore bravura sono stati in grado di leggere conversazioni private di parecchi account.

 

Perché usare la Verifica in due passaggi per aumentare la sicurezza su WhatsApp

Sulla chat è attualmente presente uno strumento per rafforzare la sicurezza del proprio profilo. La tecnica da utilizzare è quella della “Verifica in due passaggi”.

Tutti sanno che al momento del primo accesso, WhatsApp chiede l’inserimento di codice di verifica inviato via SMS sul nostro smartphone. Ebbene, in scia a quanto già previsto da Facebook e da altri social, su WhatsApp si può consolidare il primo accesso. Gli utenti hanno la facoltà di applicare un secondo codice personale da appuntare per l’ingresso in chat.

Leggi anche:  Whatsapp sconfitta dalla vecchia app che invia messaggi senza connessione

Per attivare la “Verifica in due passaggi” basta recarsi nel menù delle Impostazioni. Dopo il tap su Account si dovrà solo spuntare il tasto relativo alla Verifica in due passaggi. Il servizio ci farà quindi creare un codice personale, una password da non dimenticare mai. Dopo la password sarà il momento dell’inserimento della mail per l’eventuale recupero del codice.

Il doppio step di verifica su WhatsApp è ora il miglior deterrente ad ogni tentativo di spionaggio.