OfferteIl mondo degli operatori virtuali è davvero ricchissimo di offerte a prezzi abbastanza accessibili e sopratutto piene di giga in 4G. Le varie Kena Mobile, CoopVoce e ho.Mobile non sono altro che realtà in rapida crescita quasi interamente votate all’attivazione di nuove SIM ricaricabili con offerte anche da 50 giga in 4G mensili a 5,99 euro.

L’arrivo di Iliad, come più volte indicato in passato, ha letteralmente destabilizzato un mercato molto fragile e dubbioso. Le conseguenze sono effettivamente sotto gli occhi di tutti, con il tempo sono nate sempre più aziende virtuali (anche figlie di società fisiche, come Vodafone e TIM) in grado di abbassare prezzi mensili senza rinunciare ai giga minuti di chiamate.

Le migliori del momento restano Kena MobilePosteMobileCoopVoce ho.Mobile, di seguito trovate una piccola selezione delle proposte più allettanti.

 

Operatori virtuali: quali offerte attivare a Dicembre 2018

  • CoopVoce: grazie all’accesso alla rete 4G di Wind, l’utente che attiverà la ChiamaTutti Top potrà spendere solamente 8 euro e godere di 20 giga di internet in 4G con SMS/minuti da utilizzare verso tutti.
  • PosteMobile: sempre accedendo alla stessa rete internet, in questo caso però la Creami eXtra WoW da 9,99 euro al mese riserva sorprese ben più intriganti, 50 giga in 4G e credit illimitati verso tutti.
  • Kena Mobile: abbracciando il mondo del brand secondario di TIM ci scontriamo con l’unica operator attack, la Kena Xmas. Gli utenti in possesso di SIM di Iliad virtuali hanno la possibilità di spendere solamente 5,99 euro al mese ed arrivare ad utilizzare 100 SMS, minuti illimitati con 50 giga di traffico in 4G.
  • ho.Mobile: la figlia di Vodafone propone invece le Giga 50, una promozione da 9,99 euro (4,99 euro per i clienti di Iliad), con annesso tutto senza limiti e 50 giga di traffico dati alla massima velocità di navigazione possibile.
Leggi anche:  Operatori virtuali: le migliori offerte di ho. Mobile, CoopVoce, PosteMobile e Kena

Per dovere di cronaca è importante ricordare che le ultime due proposte prevedono una limitazione di 30Mbps in download e di circa 5.76Mbps in upload.