truffa agenzia delle entrate

Il mondo delle truffe online non dorme mai e questa volta sta sfruttando il nome dell’Agenza delle Entrate per colpire quante più persone possibili. Siamo di fronte a nuovi tentativi di phishing dei quali ci informa direttamente l’Agenzia delle Entrate attraverso un comunicato pubblicato sul proprio sito internet.

Il comunicato stampa pubblicato descrive nuovi tentativi di phishing tramite SMS sul quale stanno cascando in tantissimi. Negli ultimi giorni sono stati segnalati dei falsi messaggi SMS da mittenti come ad esempio “InfoSMS”, “Equitalia”, solo apparentemente provenienti dall’Agenzia delle Entrate.

 

Agenzia delle Entrate, come funziona la nuova truffa tramite SMS

Nascondono un tentativo di truffa gli SMS ricevuti sullo smartphone che, dietro la comunicazione dell’arrivo di una “raccomandata digitale”, invitano a cliccare su un link per collegarsi al sito ingannevole www.agenziadellentrate.com. La raccomandata minaccia l’irrogazione di una sanzione amministrativa di 550,50 euro oppure 516 euro.

Il tentativo di truffa invita anche a produrre una copia del proprio passaporto e di altri documenti personali. I messaggi in questione non provengono da un indirizzo collegato all’Agenzia delle Entrate o all’Agenzia delle entrate-Riscossione, ma da siti internet solo falsamente riconducibili a quest’ultimi.

Leggi anche:  Truffe Postepay Evolution: basta un messaggio per rubare la carta di credito

Si ricorda che gli indirizzi dei siti web istituzionali dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle entrate – Riscossione sono rispettivamente: www.agenziaentrate.gov.it e www.agenziaentrateriscossione.gov.it. Il consiglio, dunque, è quello di eliminare immediatamente questi messaggi.

SMS che non devono essere aperti ma che soprattutto gli utenti non devono utilizzare per accedere ad alcuna pagina internet.

 

Tentativi di phishing, i consigli per riconoscerli

I tentativi di phishing, come avrete capito, sono sempre più ricorrenti ma soprattutto migliorano ogni volta per sembrare sempre più reali. Per aiutarvi a riconoscerli abbiamo realizzato un articolo dedicato proprio alla difesa degli attacchi di tipo phishing che potete leggere qui.