5G

Il 5G sembra essere ancora lontano, ma Huawei, Apple e Xiaomi stanno già lavorando ai loro telefoni ultramoderni e capaci di sfruttare il nuovo standard. Nel bene o nel male le tre casate si trovano ad un certo livello di progresso, ma tutto non sempre può andare per il verso giusto.

Le vicende che stanno colpendo le tre maggiori aziende mondiali

In questo caso ci riferiamo a Huawei che è stata radiata dalle sperimentazioni negli USA e in Canada. Da quanto è emerso dai report, i governi hanno paura che le infrastrutture e i dispositivi marchiati Huwaei possano nascondere delle backdoor o stratagemmi simili utili per l’infiltrazione dell’IT di Pechino. Ciò che intimorisce l’azienda di Shenzen, però, è il fatto che i due paesi appena elencati facciano parte del Five Eyes, un’alleanza comprendente pure Australia, Nuova Zelanda e Regno Unito. Un eventuale “passaparola” potrebbe mettere fine al mercato Huawei.

Leggi anche:  Huawei vs USA: il governo americano continua la compagna contro il colosso

Felici notizie colpiscono Apple, invece. I dissapori tra Casa Cupertino e Intel sembrano essere storia passata e finalmente arrivano le prime indiscrezioni sui futuri iPhone. È stato reso chiaro fin da subito che Apple non intende immettere sul mercato uno smartphone per il 5G prima del 2020. Questi ultimi, a quanto pare, saranno arricchiti da il nuovo chip modem Intel 8161. 

Xiaomi non demorde e stupisce il mercato con un annuncio: il primo smartphone supportante il 5G uscirà nel 2019. Xiaomi Mi MIX 3 avrà fino 10 GB di RAM e permetterà la connettività su rete pioniera; le novità non finiscono qua dato che lo schermo sarà l’elemento principale di questo smartphone fullscreen e con fotocamera nascosta sotto lo schermo!