Sei persone su dieci sono stufe delle password con un mix di numeri, simboli e lettere maiuscole. Gli utenti sono stanchi delle misure di sicurezza online “eccessivamente complicate“, secondo un recente studio.

Più di tre quarti dei 2000 adulti del Regno Unito intervistati dai ricercatori non vedono il senso di ciò che ritengono essere procedure “non necessarie”. Sei su dieci sono infastiditi dalla necessità di elaborare password complesse, come accennato prima. Circa la metà è stanca di dover rispondere alle “infinite” domande di sicurezza quando chiamano l’assistenza clienti. Il 43% è stufo della verifica in due passaggi e sette su 10 sono frustrati dai codici Captcha, poiché tendono a presentare parole illeggibili.

Commissionato dalla società di analisi globale FICO, la ricerca ha anche rilevato che quasi i due terzi pensano che ci siano semplicemente troppe misure di sicurezza online al giorno d’oggi. Gabriel Hopkins, vicepresidente per le soluzioni antifrode di FICO, ha dichiarato: “I consumatori possono essere contenti che la loro banca li stia proteggendo dalle frodi, ma non sono contenti del disagio che ciò causa. Le banche devono capire come mantenere efficace la gestione delle frodi senza incidere negativamente sull’esperienza del cliente. Questo è impegnativo in un mondo on-demand“.

Leggi anche:  Gli errori più comuni che quasi tutti commettiamo su Internet

La sicurezza online non è mai abbastanza ma spesso per gli utenti è persino eccessiva

Dover ricordare gli indirizzi e-mail per il recupero della password è motivo di irritazione del 51%. Il 42% considera la sicurezza dell’aeroporto un inconveniente e il 34% considera i PIN dei telefoni cellulari una seccatura. Sette su dieci hanno dichiarato di lottare per tenere traccia di tutte le loro password. Gli intervistati hanno in media 32 account online diversi, tra cui account di posta elettronica, account di acquisti, account di social media, conti bancari e altro ancora.

Il 10% pensa che si dovrebbe essere in grado di aprire un account “immediatamente” e il 14% ritiene che l’intero processo dovrebbe richiedere meno di un’ora. Ma indipendentemente da quanto tempo ci vorrà, il 62% è sicuro che la propria banca effettui controlli sufficienti per verificare l’identità del titolare del conto e prevenire le frodi. E sette su 10 si fidano della loro banca per proteggere il loro account da attività criminali – come la frode. In modo preoccupante, il 46% è stato vittima di frodi bancarie, anche se circa i due terzi erano soddisfatti del modo in cui la banca l’ha affrontata.