caso di phishingUn altro caso di phishing che arriva tramite email e si rivolge ai titolari di carte PostePay e PostePay Evolution. I cyber-criminali sembra non abbiano intenzione di mollare la presa e continuano a diffondere email truffaldine. L’ultimo avviso si rivolge ai clienti di Poste Italiane e riguarda la sospensione delle carte ma anche in questo caso è possibile proteggere i propri risparmi.

Truffe PostePay e PostePay Evolution: il phishing continua a diffondere i suoi tentativi di frode. Un piccolo dettaglio può renderli innocui!

Basta un semplice accorgimento per rendere innocui tentativi di frode di questo genere. Tutti possono adottare le giuste precauzioni ed evitare di ritrovarsi coinvolti in uno spiacevole inganno che si conclude con la perdita dei propri risparmi. Poste Italiane, la Polizia Postale e non solo, hanno fornito più volte dei consigli efficaci al riguardo che è fondamentale tenere a mente. Tra i vari suggerimenti divulgati dall’azienda, quello in grado di rendere totalmente innocuo qualsiasi tentativo di frode è il seguente:

Non inserire i propri dati online”.

Sembrerà banale ma basterà non cliccare sui link presenti nelle comunicazioni truffaldine e non inserire le proprie credenziali. Soltanto ciò permetterà di stroncare il phishing.

Leggi anche:  Postepay, ci sono tante altre novità per gli utenti dopo il cambio degli IBAN

Phishing: il tentativo di frode mira ai dati degli utenti!

Il phishing è un tentativo di frode ormai molto comune che mira ai dati degli utenti. Si manifesta sotto forma di email, SMS o WhatsApp e utilizza una tecnica ben precisa. I malfattori creano avvisi che hanno lo scopo di suscitare nella vittima preoccupazione e curiosità, al punto da convincerli a seguire i passaggi che consentiranno di portare a termine la frode. Utilizzando una retorica apparentemente convincente invitano le vittime a risolvere eventuali problemi riscontrati relativi al loro conto. La soluzione proposta prevede il rinnovo dei dati tramite un link da loro fornito che gli consentirà di ricevere le credenziali inserite dall’utente e, quindi, accedere alla carta.

Proprio per questo l’utente non inserendo i suoi dati online e non utilizzando link forniti da email o SMS del genere sarà al sicuro dai tentativi di frode.