Facebook

L’ultima falla di Facebook avrebbe messo in pericolo la sicurezza di oltre 50 milioni di utenti, altri 40 milioni invece sono stati scollegati per precauzione. Si tratta di uno degli attacchi più gravi mai subiti dalla piattaforma.

Mark Zuckerberg ha scritto sul proprio profilo: “Non sappiamo ancora se gli account sono stati utilizzati in modo improprio“. Il bug era presente nella funzione “Anteprima del profilo”. Recentemente infatti, un hacker taiwanese, Chang Chi-yuan aveva annunciato di poter violare il sistema.

 

Facebook e la più grande falla di sicurezza mai vista prima

Le prime anomalie di questa falla si sarebbero notate già dal 16 settembre ma il caso è diventato pubblico solo ora, dopo che l’azienda è riuscita a risolvere il problema. L’hacker è riuscito ad entrare in possesso dei dati di milioni di utenti. La vulnerabilità fortunatamente ora è chiusa e il problema è stato segnalato alle autorità come impongono le leggi europee.

Mark Zuckerberg ha voluto rassicurare gli utenti sul proprio profilo: “Abbiamo la responsabilità di proteggere i vostri dati e, se non ci riusciamo, non meritiamo la vostra fiducia. Il problema è stato risolto ieri sera e stiamo prendendo misure precauzionali per coloro che potrebbero essere stati colpiti. Martedì abbiamo scoperto che un malintenzionato sfruttava una vulnerabilità riuscendo ad accedere a circa 50 milioni di account. Non sappiamo ancora se questi account sono stati utilizzati in modo improprio. Continueremo ad indagare e vi aggiorneremo quando ne sapremo di più“.

Leggi anche:  Facebook vuole sapere troppo sulla nostra vita privata

La falla potrebbe colpire nuovamente la credibilità della piattaforma e il titolo nei giorni scorsi chiudeva con un calo del 2.6%. Secondo alcuni, la questione potrebbe anche allargarsi, considerando che l’hacker potrebbe essere in possesso di dati che servivano ad accedere ad applicazioni di terze parti. Il vice presidente della piattaforma, Guy Rosen, ha assicurato che il processo di login è stato finalmente ripristinato.