Per capire perché è così difficile liberarsi dai propri dispositivi, account Facebook, Twitter, Instagram e così via, è necessario conoscere i dati e le app apposite per smartphone addicted.

Nell’economia moderna, la nostra attenzione è diventata la merce più preziosa. Le aziende tecnologiche hanno eserciti di ricercatori comportamentali il cui unico compito è quello di applicare principi per afferrare e mantenere la concentrazione il più spesso e il più a lungo possibile. Ma alcune persone stanno iniziando a reagire. Un piccolo ma crescente numero di scienziati comportamentali ed ex sviluppatori della Silicon Valley hanno iniziato a provare a contro-programmare avvisi di notizie, richieste di amicizia e aggiornamenti che affollano le nostre giornate.

Sempre più spesso, gli sviluppatori stanno usando il fuoco per combattere il fuoco, creando app che cercano di rimettere gli utenti sotto controllo. Chiamano il loro movimento “benessere digitale” e nelle ultime settimane hanno ottenuto due enormi vittorie quando Google e Apple hanno annunciato l’intenzione di incorporare sistemi per cronometrare il tempo online.

“Il sistema è costruito contro di noi, perché più usi questi prodotti come Facebook e Google, più soldi guadagnano”, afferma Nick Fitz, ricercatore comportamentale alla Duke University di Durham, nel North Carolina. “È come giocare a scacchi contro un’azienda da miliardi di dollari. Per ognuno di noi che cerca di battere l’economia dell’attenzione, hanno 20 ricercatori che cercano di toglierti potere più di prima.

Fitz ha lottato per gli ultimi due anni con una parte di questo campo di battaglia: le notifiche fastidiose. In un esperimento, ha monitorato l’utilizzo dello smartphone di oltre 200 persone. La maggior parte ha ricevuto tra 65 e 80 notifiche al giorno. Quando ha eliminato i loro avvisi, i loro livelli di stress sono diminuiti. Una foschia di disattenzione si è risollevata. La loro concentrazione è migliorata. Così Fitz e un team di sviluppatori hanno creato un’app per raggruppare tali notifiche e consegnarle in tre lotti: mattina, pomeriggio e sera.

Ormai dipendiamo dagli smartphone e dalla tecnologia, ma ci sono app e sistemi per riprendere il controllo

“Non sto dicendo che la tecnologia sia intrinsecamente cattiva”, dice Fitz. “Ma le persone dovrebbero essere consapevoli di come la usano“. L’americano medio, ad esempio, controlla il proprio telefono ogni 12 minuti. Ricerche di mercato mostrano che l’utente medio tocca il cellulare 2617 volte al giorno. In un sondaggio del 2014, il 46 per cento degli utenti ha affermato che il proprio smartphone è qualcosa senza cui non possono vivere.

Leggi anche:  Bot e social media hanno un impatto negativo sugli utenti

Quello che è importante è che gli utenti web non sanno quando incontreranno la loro ricompensa. Mentre cacciano attraverso i loro feed di notizie, i loro cervelli sperimentano ondate di dopamina. Il neurochimico è associato alla sensazione di anticipazione e svolge un ruolo importante nel collegare specifici segnali con ricompensa. Alcuni studi hanno collegato social media e smartphone allo stress, depressione negli adolescenti e scarso sonno. Altri ricercatori hanno gettato dubbi su tali risultati.

Il fondatore di Facebook, per esempio, ha ammesso a un evento l’anno scorso che la società aveva sfruttato la vulnerabilità nella psicologia umana“. I suoi creatori, ha dichiarato Sean Parker, “lo hanno capito consapevolmente e lo abbiamo fatto comunque”. In risposta alle critiche, Facebook e altre società tecnologiche affermano che stanno cercando di migliorare i prodotti per rispondere a tali preoccupazioni. Facebook ha promesso 1 milione di dollari l’anno scorso per studiare l’effetto dei social media sui giovani. Le soluzioni, però, ci sono, e sono sempre di più.

L’app Moment funziona come un Fitbit, tenendo traccia del numero di ore trascorse dagli utenti sui loro telefoni e programmi specifici. L’app invia notifiche dopo essere stati attivi per un tratto particolarmente lungo, suggerendo una pausa. Permette anche di trasformare tutto in un gioco, sfidando a prendere il dispositivo sempre meno, fino a quando non si sente di avere di nuovo il controllo. Moment è ora uno dei programmi di benessere digitale di maggior successo, scaricato 5,9 milioni di volte.

Diverse altre app sono emerse anche negli ultimi due anni. Uno particolarmente popolare, chiamato Forest, pianta un albero virtuale sul telefono ogni volta che lo metti a fuoco per concentrarti sul lavoro. Altrimenti l’albero si secca e muore. “Non so perché mi interessa se questi alberi muoiono, ma lo faccio”, è una recensione di un utente su iTunes. Altre app: Freedom, SelfControl, AppDetox, cold turkey e StayFocusd: aiutano gli utenti a bloccare i siti Web o le app. La tecnologia comunque non va eliminata ma migliorata. Però bisogna ricordare che la colpa è anche nostra, non solo della tecnologia.