Facebook

Sulla piattaforma Facebook ultimamente sta circolando uno strano messaggio che parla dell’algoritmo usato dal social network. In poche parole gli utenti sono spinti a condividere il seguente messaggio per cercare di bypassare l’algoritmo.

Perché bisognerebbe bypassare l’algoritmo? Perché questo algoritmo fa in modo di mostrare sempre i contenuti del solito gruppo di amici, tralasciando invece i post delle persone che seguiamo meno spesso. Fate molta attenzione perché si tratta di una bufala.

 

Facebook e il messaggio sull’algoritmo, fate attenzione

Una nuova bufala sta circolando sul social network più utilizzato al mondo. Ultimamente sta puntando molto sui post degli amici più stretti, quelli che seguiamo di più, tralasciando magari altri post più recenti. Nel messaggio che circola si spiega una procedura per bypassare l’algoritmo e vedere quindi i contenuti che più ci interessano e non quelli che ci impone la piattaforma.

Il testo della bufala è il seguente: “La tua sezione notizie mostra di recente solo i post delle stesse poche persone, circa 25, più volte lo stesso, perché Facebook ha adottato un nuovo algoritmo. Questo loro sistema sceglie le persone che possono leggere il tuo post. Tuttavia, vorrei scegliere per me, quindi, chiedo a tutti voi di farmi un favore. Se stai leggendo questo messaggio lasciami un commento veloce, anche un “ciao” va bene, oppure un adesivo, qualsiasi cosa tu voglia, così sarai visualizzato nella mia sezione notizie. Altrimenti Facebook sceglierà chi farmi vedere, e non ho bisogno di Facebook per scegliere i miei amici. I social media riguardano la comunicazione. Copia e incolla questo testo sulla tua bacheca in modo da poter godere di più interazione con tutti i tuoi contatti e bypassare il sistema“.

Leggi anche:  Truffa della PostePay bloccata: torna l'SMS svuota conti

Il messaggio prende in considerazione alcuni cambiamenti dell’algoritmo, il social infatti non mostra solo i contenuti dei nostri amici, ma utilizza un filtro e una selezione per mostrarci i post. Ovviamente il funzionamento è molto diverso da quello esplicitato nel messaggio precedente. Il suggerimento è quello di non condividere questa specie di catena di Sant’Antonio ma bensì di avvisare i contatti che la condividono del fatto che sia una bufala. In questo modo si evita che migliaia di persone condividano notizie false.