L’utilizzo dell’Internet of Things (IoT) nello spazio aziendale aumenterà a un ritmo ragionevole. I dirigenti sono preoccupati per l’integrazione e la sicurezza dei dati, secondo un nuovo studio condotto dalla società di consulenza Bain & Co.

Il sondaggio ha avuto luogo tra 600 decision maker IT nelle aziende di tutte le dimensioni. Esso ha rilevato che il 60% degli intervistati sta lanciando nuove iniziative IoT nelle proprie attività o espandendo installazioni già esistenti. Tuttavia, relativamente pochi degli intervistati pensavano che i loro progetti sarebbero stati attivi e funzionanti, o almeno in stato di proof-of-concept entro il 2020. Per essere precisi, quel numero è ora inferiore del 15 per cento rispetto rispetto ad un’indagine condotta nel 2016. Lo stesso sondaggio ha visto un tasso di adozione complessivo di queste tecnologie inferiore del 20%. Ci sono preoccupazioni e aspettative più basse su tutta la linea, ma sempre più aziende stanno sperimentando con device IoT.

L’adozione di Internet of Things è sempre più realtà, ma questi device hanno notevoli problematiche

La maggior parte degli ostacoli citati dagli intervistati ruotava intorno a due aree: sicurezza e integrazione dei dati, come accennato prima. La sicurezza IoT può essere volubile nel complesso. Non è difficile capire perché un’organizzazione possa avere difficoltà a garantire pienamente che la sua flotta di dispositivi IoT sia abbastanza sicura da essere attendibile con dati e operazioni critiche. Un gestore di dati compromesso potrebbe cedere informazioni aziendali a terzi e un dispositivo IoT fisico compromesso o difettoso potrebbe addirittura danneggiare i lavoratori umani. Per quanto riguarda l’integrazione dei dati, può essere difficile collegare tutto. Per non parlare dell’estrazione, l’aggregazione e l’interpretazione di tutti questi dati e quindi l’implementazione nel flusso di lavoro dell’azienda.

Leggi anche:  Italia all’avanguardia nell’attività di ricerca sul grafene per la banda larga del futuro

La relazione tra IoT e impresa è stata a lungo tesa, soprattutto perché lo spazio IoT continua a trasformarsi attraverso tentativi ed errori. L’ascesa e la caduta di Nest è una dimostrazione convincente nell’argomento secondo cui l’IoT in generale ha una lunga strada da percorrere prima di raggiungere una parvenza di maturità del mercato e molti prodotti IoT, come i lucchetti intelligenti, hanno ancora gravi falle nella sicurezza.