iPhone 2018

Come tutti sapete, tra poche settimane, Apple presenterà ben tre nuovi modelli di iPhone. Uno degli aspetti da sottolineare di questi smartphone è la presenza di un processore A12 con architettura a 7 nm; si tratta del primo soc di questo tipo a livello commerciale ed è prodotto da TSMC. Nonostante questo però, la compagnia produttrice ha decisamente abbassato le previsione di fatturato.

Nel corso di questi mesi si è parlato di come ci sia stato un abbassamento di ordini da parte di Apple e di altri problemi legati alla produzione. L’inizio delle vendite non sarà il migliore di sempre, anzi, ma si aspetta che verso la del quarto trimestre dell’anno la situazione cambi. Sarà il periodo con il numero maggiore di vendite, il che si traduce con un ordine maggiore di componenti.

 

Un maggior ricambio

A quanto pare, l’ottimismo di TSMC per quei mesi è dovuto all’idea che molti clienti con un modello più vecchio di due anni si appresteranno a spendere molto per aggiornarsi. È uno scenario possibile, probabilmente portato avanti da analisti ed esperti della compagnia, ma c’è anche da dire che quest’anno i produttori di Android si sono veramente dati da fare. Il super-ciclo di aggiornamenti è previsto che superi quello dell’iPhone X.

Leggi anche:  Apple: diversi nuovi iPhone stanno riscontrando problemi con la ricarica

C’è anche un’altra brutta notizia che riguarda TSMC. La compagnia aveva iniziato i primi test in assoluto per un processo a 5 nm. Bene, la produzione di massa di questi processori è stata spostata per la prima metà del 2020. Da questo dato quindi è lecito ipotizzare che vedremo tale architettura solamente sugli A14.