Il controverso rapporto tra videogiochi e violenzaLa discussione è controversa, divide le opinioni e si trasforma. Poi ritorna in superficie e quasi sempre in relazione a un episodio segnato dalla violenza. Dagli anni ’90, i videogiochi sono stati accusati di incitare comportamenti aggressivi e persino di incoraggiare massacri.

Il gioco violento è stato ancora una volta oggetto di accuse a seguito all’ultima tragedia avvenuta negli Stati Uniti, quando un ex studente ha ucciso 17 persone in una scuola in Florida. Un membro del Congresso americano ha affermato che non ci sono dubbi sul fatto che i giochi siano la causa della tragedia. Il presidente Trump ha accusato non solo i giochi, ma anche i film. Ed ha continuato dicendo che avrebbe incontrato i migliori esponenti del mercato dei videogame per vedere avrebbero potuto fare sul caso.

 

Opinioni discordanti

Sebbene alcuni studi sottolineano che l’uso di giochi violenti possa influenzare il comportamento delle persone, la maggior parte degli esperti non è d’accordo. Specialmente quando le accuse arrivano dagli Stati Uniti, dove la maggior parte dei cittadini sostiene ancora il possesso di armi. E, se ci fermiamo a pensare, è più facile discutere di videogiochi rispetto a qualsiasi politica di accesso alle armi da fuoco.

Gli esperti dicono che profilare persone aggressive o commettere atti di violenza esacerbata è relativamente facile. Secondo loro, sono persone con una storia di bullismo, una storia di violenza in famiglia o persino problemi mentali.

Nel frattempo, i videogiochi sono alla mercé di tutti i livelli sociali, siano essi di età, di estrazione culturale o economica nei quattro angoli del mondo. E non c’è nulla che dimostri di quanto siano un pericolo per la formazione della nostra personalità. Naturalmente, non tutti i titoli sono appropriati per tutte le età, proprio come i film. Ma è impossibile dire che un bambino che utilizzi questi giochi violenti si trasformerà necessariamente in una macchina per uccidere in futuro. In ogni caso, c’è chi sostiene che l’uso di giochi violenti da parte dei bambini possa, piuttosto, influenzare il comportamento dei bambini; specialmente quando i giovani non hanno una buona base di famiglia o vivono in un ambiente aggressivo.

Dietro a tutta questa discussione, l’industria del gioco sembra essere abituata a queste critiche. Curioso è che i giochi violenti continuino ad avere successo in tutto il mondo, non solo negli Stati Uniti. Mentre Trump cerca di risolvere senza troppa convinzione, i produttori stessi continuano a trarre vantaggio dalla controversia e persino dalle controverse strategie di marketing che funzionano molto bene.

Quindi, i giochi violenti sono il problema di una società aggressiva? O è il facile accesso alle armi da parte di qualsiasi cittadino americano a creare problemi (altrove sono altre le modalità per fare violenza)? A proposito, perché questi casi di massacri scolastici sono più comuni lì che in qualsiasi altra parte del mondo.