OnePlus 6
OnePlus 6 offre ai suoi possessori il Face Unlock, la funzione che permette lo sblocco dello smartphone attraverso la scansione del volto offerta dalla fotocamera anteriore. Una funzione che svolge bene il suo lavoro, almeno per quanto riguarda i tempi di sblocco, ma che come altri scanner può essere ingannato e anche facilmente.

LEGGI ANCHE: OnePlus 6 Clear Edition, in video il modello con back cover trasparente molto nerd

È quanto dimostra un utente su Twitter, rikvdujin, pubblicando un video che mostra come prendersi gioco di OnePlus 6 e del suo Face Unlock. L’utente prende in prestito lo smartphone del suo amico e prova a sbloccarlo indossando una maschera con una fotografia a grandezza naturale del volto del suo amico.

 

OnePlus 6 si sblocca anche con una maschera: il Face Unlock è da rivedere

Dopo qualche tentennamento da parte dello smartphone, lo sblocco avviene con successo in meno di un minuto dimostrando quanto sia facile bypassare questo sistema. Il Face Unlock tra l’altro non permette di registrare più di un volto, per cui tecnicamente dovrebbe poterlo sbloccare il solo proprietario.

Leggi anche:  OnePlus 6: in arrivo l'aggiornamento che risolverà i problemi del display

Ma non è così e l’utente su Twitter ci tiene a sottolineare che lo stesso metodo funziona anche se si utilizza una foto in bianco e nero. Potete immaginare a questo punto quanto sia deludente la sicurezza offerta da questo scanner che praticamente può essere ingannato da chiunque abbia una vostra foto recente.

L’utente che ha realizzato e pubblicato il video dichiara di avere sentito da OnePlus che i suoi sviluppatori stanno indagando sul problema. È probabile, pertanto, che venga rilasciata un patch anche se non sappiamo se basterà un solo aggiornamento software a rendere più sicuro lo sblocco.

Almeno quanto un lettore di impronte digitali che rappresenta forse la scelta migliore insieme ad una password sufficientemente complicata. Tra le altre cose OnePlus sta implementando la stessa funzione di sblocco anche sugli altri suoi dispositivi mettendo in pericolo la privacy di altri utenti.