italiani onlineL’utilizzo di questi ultimi ha, secondo gli ultimi dati del rapporto redatto da We Are Social, come motivo principale, l’utilizzo di WhatsApp (oltre l’85% degli italiani).

Oltre a WhatsApp, i due social network più popolari restano Facebook (56,2%) e YouTube (49,6%); anche Instagram va sempre più forte (21%), mentre Twitter si mantiene al 13,6%.

E’ interessante notare che, sempre secondo il Censis, se i telegiornali continuano ad essere la prima fonte di informazione per gli italiani (60,6%), il 35% di questi si informa tramite Facebook; si tratta di giovani sotto i 30 anni (il 75% di questi).

Un’altra delle attività preferite dagli internauti è lo streaming, grazie anche ai sempre più “cool” binge watching e binge racing (rispettivamente, la pratica di guardare uno dopo l’altro gli episodi della propria serie tv preferita e quella dello sfidare se stessi a guardare un’intera serie tv in appena 24 ore).

Il 31% degli italiani guarda video online almeno una volta al giorno. Anche per questo, ormai, quasi tutti i canali televisivi hanno delle apposite sezioni del proprio sito web dov’è possibile riguardare i programmi andati precedentemente in onda.

Un’altra grande novità sono le piattaforme online digitali video e audio, tipo Spotify. L’11,1% degli italiani guarda programmi dalle piattaforme video e il 10,4% ascolta musica da quelle audio.

Leggi anche:  Radiazioni smartphone: la lista degli smartphone con valori SAR più alti

Ma internet è utile per qualsiasi altro tipo di attività: dalla lettura di notizie (quando non si utilizzano i telegiornali o Facebook) alla ricerca e lo studio, dall’home banking allo shopping in rete, e ancora, le prenotazioni sul web delle visite mediche (8%), i rapporti online con le pubbliche amministrazioni, fino ai giochi online. In quest’ultimo settore sono decisamente degni di menzione speciale i casino online, i quali sono cresciuti tantissimo negli ultimi anni sviluppando un enorme giro d’affari. Così come nel mondo offline, i giochi preferiti in questi portali sono le slot online che hanno lo stesso funzionamento delle loro sorelle presenti nelle sale slot e nei casino.

Insomma, ormai tra smartphone, computer, tablet, console e Smart TV, gli italiani fra i 16 e i 65 anni connessi alla rete sono circa 30 milioni.

Quasi un rapporto, quello che intratteniamo con internet, più amorevole e florido di quello che intratteniamo con le nostre dolci metà.