iphone-batteriaPochi giorni fa è esplosa la notizia riguardo il potenziale degrado delle prestazioni degli iPhone Apple corso del tempo. Non è passato molto tempo prima che questa notizia cominciasse a a circolare in rete che Apple stessa ha dovuto fornire una spiegazione necessaria di ciò che stava accadendo.

Il nostro obiettivo è offrire la migliore esperienza per i clienti, che include le prestazioni generali e prolunga la vita dei loro dispositivi. Le batterie agli ioni di litio sono meno in grado di fornire picchi di energia quando sono in condizioni di freddo, hanno una carica bassa della batteria o invecchiano nel tempo, il che può causare l’arresto imprevisto del dispositivo per proteggere i suoi componenti elettronici“.

E aggiunge: “L’anno scorso abbiamo rilasciato una funzionalità per iPhone 6, iPhone 6S e iPhone SE per appianare i picchi istantanei solo quando necessario, per evitare che il dispositivo si spenga inaspettatamente durante queste condizioni. Ora abbiamo esteso questa funzione ad iPhone 7 con iOS 11.2 e prevediamo di aggiungere il supporto per altri prodotti in futuro“.

Ne è derivata una considerevole discussione tra quanti seguono Apple sul fatto che stia facendo la cosa giusta. I commentatori più cinici sembrano pensare che l’azienda di Cupertino stia semplicemente riducendo le prestazioni dei suoi vecchi telefoni nel tempo per spingere i clienti ad acquistarne di nuovi.

I meno cinici, dal canto loro, sembrano pensare che Apple stia dicendo la verità quando dice di aver implementato questa funzione che rallenta le prestazioni dei suoi dispositivi per impedire loro di vedere arresti imprevisti.

Proviamo a dare ragione a questi ultimi. Ecco perché

Supponiamo per un momento che Apple non sia stata onesta nella sua dichiarazione e che stia davvero degradando le prestazioni dei dispositivi più vecchi per cercare di convincere la gente a comprarne di nuovi. È davvero probabile che questa strategia funzioni? Forse sì.

Uno dei modi in cui un’azienda costruisce la fedeltà al marchio è offrire agli acquirenti un prodotto eccellente che si divertono a utilizzare per tutta la vita del dispositivo. Se i clienti ritengono di avere un prodotto difettoso o un prodotto intenzionalmente progettato per non durare, allora potrebbero pensarci due volte prima di uscire e acquistare un altro iPhone per sostituire i loro attuali iPhone.

Forse una tale strategia spingerebbe i clienti ad acquistare nuovi telefoni, ma probabilmente non sarebbero iPhone.

Se supponiamo che l’obiettivo di Apple sia quello di massimizzare la fidelizzazione dei clienti e mantenere l’immenso patrimonio di marca che ha costruito nel corso degli anni, sarebbe assolutamente assurdo cercare di peggiorare l’esperienza utente dei prodotti che ha già venduto.

Cosa potrebbe aver fatto Apple in modo diverso

Fondamentalmente, Apple sta facendo la cosa giusta: la maggior parte degli utenti di smartphone scambierà le prestazioni della CPU nei loro dispositivi in ​​cambio della tranquillità di sapere che non si spegneranno inaspettatamente. Dopo tutto, un telefono che funziona, ma forse un po’ più lento, è molto più utile di un telefono che non funziona in modo affidabile.

L’unico errore che Apple sembra aver fatto, però, è che non sembra avere un meccanismo integrato nel telefono per informare gli utenti che la batteria si è degradata in modo così significativo da influire sulle prestazioni. Questo indicatore non dovrebbe avere la forma di un pop-up intrusivo; invece, potrebbe essere sottile come, ad esempio, un punto esclamativo sovrapposto all’indicatore della durata della batteria. Quando viene visualizzato questo indicatore, gli utenti possono premere sull’indicatore della batteria che porta gli utenti a una pagina che illustra lo stato di salute della batteria e fornisce quindi una semplice spiegazione del motivo per cui potrebbe essere una buona idea sostituirla.

L’utente dovrebbe avere la possibilità di ignorare questo messaggio o di sostituire la batteria (restituendo il dispositivo a Apple stessa o portandolo ad uno store di zona). Probabilmente, sarebbe nell’interesse di Apple non suggerire l’acquisto di un nuovo iPhone per evitare di sembrare un tentativo di obsolescenza pianificata.