L’ecosistema Yale è in fortissima espansione, nel corso degli ultimi mesi il brand inglese ha presentato numerosi dispositivi atti ad abbracciare un panorama di utilizzi sempre più ampio, facilitando così la vita di un numero impressionante di utenti. Il prodotto maggiormente rappresentativo è sicuramente Yale Linus, di cui vi abbiamo ampiamente parlato nella nostra recensione, ma per addentrarci ancora di più nel mondo Yale, oggi conosciamo da vicino lo Yale Smart Cabinet Lock, una serratura per armadi, cassetti e non solo.

Estetica e Design

L’estetica ed il design sono l’emblema della semplicità del prodotto, è composto da due parti: una base cubica, da poggiare direttamente all’interno dell’armadio da bloccare, ed un appiglio da incollare all’anta stessa, il quale va a incastrarsi alla perfezione nell’unico alloggiamento centrale della base. Il funzionamento non potrebbe essere più semplice, una volta inserito, meccanica Yale Smart Cabinet Lock blocca la parte incastrata, impedendo l’apertura dell’anta.

L’installazione è semplice e alla portata di tutti, non sono necessarie viti o tasselli, il prodotto viene attaccato letteralmente con l’utilizzo del biadesivo, presente in confezione, bastano soli 5 minuti per ottenere il risultato desiderato. L’ingombro è altresì minimo, la base è realizzata in plastica, con colorazione bianca opaca e senza pulsanti visibili sulla superficie, raggiungendo dimensioni di 47,6 x 41,3 x 50,8 millimetri e peso di soli 60 grammi, incluse le batterie. Una volta posizionato può benissimo confondersi ad esempio con le medicine incluse nell’armadietto, o una piccola boccettina di profumo/crema, una volta assemblato, viene modificato solamente in altezza, data la presenza di una piccola basetta inferiore, raggiungendo 58,4 x 40,6 x 50,8 millimetri.

Il prodotto non presenta connettori per il funzionamento o la ricarica, al suo interno si trova l’alloggiamento per una singola pila CR2, le classiche pastiglie per intenderci, la cui autonomia risulta essere decisamente elevata, è possibile utilizzarlo fino ad 1 anno, prima di ricorrere alla sostituzione. La stessa autonomia varia in relazione all’utilizzo, più volte aprirete/chiuderete l’anta, o vi accederete da remoto, minore sarà la sua durata.

Hardware e Specifiche

Yale Smart Cabinet Lock è un prodotto adatto per le famiglie, che ad esempio vogliono impedire ai bambini di accedere a determinati compartimenti (vedasi medicine o bagnoschiuma), ma anche per gli utenti che decidono di affittare una seconda casa, evitando che gli affittuari possano mettere le mani su prodotti di proprietà. Tra le varie funzioni raggiungibili elenchiamo sicuramente la condivisione temporanea (o permanente) dell’accesso, prendendo come esempio proprio la seconda opzione di utilizzo, può tornare utile fornire l’accesso al reparto anche per un breve periodo, senza dover essere fisicamente presenti.

Il tutto è controllabile dall’applicazione mobile, gratuita e compatibile con Android/iOS, dotata di una interfaccia molto chiara e perfettamente realizzata. Sul mercato troviamo due modelli di Yale Smart Cabinet Lock, uno compatibile con il solo bluetooth 4.2 ed uno anche con il WiFi (è necessario il Yale Connect WiFi Bridge, da collegare direttamente al router di casa). Il più completo è ovviamente il secondo, proprio perché permette di accedere al prodotto anche da remoto, quando si è lontani da casa, viceversa le modifiche alle impostazioni saranno effettuabili solamente quando ci si trova nel raggio d’azione del bluetooth (circa 10 metri).

Le funzioni raggiungibili via app non sono moltissime, è possibile osservare lo stato attuale (aperto/chiuso), impedire l’accesso (bloccando l’anta), oppure visualizzare il changelog, una attenta descrizione di tutti i cambiamenti di stato registrati nel corso della singola giornata. Una delle più utili è sicuramente il cosiddetto auto-lock, ovvero il il blocco automatico del prodotto, nel momento in cui l’utente esce dal raggio d’azione del bluetooth, o abbandona la propria abitazione nel caso in cui abbia il modello con il WiFi (monobanda, solo a 2.4GHz). Per completezza vengono anche inviate notifiche di cambiamento di stato, molto utili proprio per verificare in tempo reale l’eventuale accesso all’armadio, potendo reagire di conseguenza; la connessione allo Yale Smart Cabinet Lock è rapida e stabile, come anche il piacevole invio delle notifiche.

Yale Smart Cabinet Lock – conclusioni

In conclusione Yale Smart Cabinet Lock è un prodotto che completa ed amplia l’ecosistema dei dispositivi di casa Yale, non più conosciuta con la sola Linus, le cui funzionalità sicuramente non torneranno utilissime a tutti, ma che nel loro piccolo riescono comunque a sorprendere e convincere. Il consiglio è di acquistarlo se avete bambini a casa e volete dormire sonni tranquilli anche nel momento in cui non siete presenti, oppure se affittate una casa e volete nascondere prodotti in un’area rendendola inaccessibile agli inquilini.

Il modello da acquistare è sicuramente quello corredato dalla connettività WiFi, riesce ad essere più completo, evitando un accesso limitato solo via bluetooth, tenete però presente che sarà necessario installare anche il bridge in prossimità del router, collegandolo fisicamente. La parte smart è allineata con le richieste del mercato e degli utenti, riuscendo a svolgere alla perfezione ogni compito assegnato, sempre mantenendo un occhio al design e all’estetica, che su prodotti di questo tipo non deve mai mancare. Il prezzo di partenza di poco superiore ai 100 euro è adeguato per le caratteristiche e la tecnologia del prodotto.

Yale Smart Cabinet Lock

80€
7.7

Estetica e Design

8.0/10

Modalità d'uso

8.5/10

Funzioni

7.5/10

Applicazione

7.0/10

Prezzo

7.5/10

Pro

  • Semplicità d'installazione
  • Prestazioni adeguate
  • Prezzo in linea con il mercato
  • Applicazione mobile ben fatta
Articolo precedenteWhatsApp consentirà di ripristinare i messaggi eliminati
Articolo successivoINPS: Anche a Natale gli avvisi non mancano, se vi arriva questo dovete muovervi
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.