Bere 2-3 tazze di caffè

Bere due o tre tazze di caffè ogni giorno può giovare al cuore, secondo gli studi presentati alla 71a sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology.

L’American College of Cardiology ha affermato giovedì che il consumo della caffeina è associato a un minor rischio di malattie cardiache e ritmi cardiaci pericolosi, oltre a una maggiore durata della vita.

Le tendenze sono rimaste vere anche per le persone con e senza malattie cardiovascolari, per questo i ricercatori che affermano che le analisi assicurano che il caffè non è collegato a malattie cardiache nuove.

Utilizzando i dati del database BioBank del Regno Unito, i ricercatori hanno esaminato vari livelli di consumo di caffè, (da 1 tazza a 6 tazze di caffè al giorno) e la relazione con i problemi del ritmo cardiaco, malattie cardiovascolari, ictus e decessi cardiaci totali tra quelli con e senza malattie cardiovascolari.

I pazienti sono stati ordinati in base alla quantità di caffè che hanno riferito di aver bevuto ogni giorno.

Nessun rischio

Nel complesso, i ricercatori non hanno riscontrato nessun impatto o riduzioni significative del rischio cardiovascolare dopo aver controllato l’esercizio fisico, l’alcol, il fumo, il diabete e l’ipertensione.

Nel primo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati di 382.535 persone senza malattie cardiache note per vedere se bere caffè potrebbe aver avuto un ruolo nello sviluppo di malattie cardiache o ictus in 10 anni.

In generale, bere da due a tre tazze al giorno ha portato il massimo beneficio, incluso un rischio inferiore dal 10% al 15% di sviluppare malattie coronariche, insufficienza cardiaca, problemi di ritmo cardiaco o morte.

Il rischio di ictus o morte per cause cardiache era più basso per coloro che bevevano una tazza di caffè. Un secondo studio ha incluso 34.279 individui che avevano una qualche forma di malattia cardiovascolare.

FONTEfoxnews
Articolo precedenteSKY rinnova la partnership con Formula 1: l’emittente si aggiudica i diritti fino al 2027
Articolo successivoIl futuro della mobilità è elettrico? Ecco una previsione di ciò che ci aspetterà
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it