Non comprate GPU usate

Il passaggio della blockchain di Ethereum dal Proof of Work al Proof of Stake, comunemente indicato come Merge, ha visto il mining di criptovalute perdere di valore.

I gamers non vedevano l’ora che le GPU nuove ed usate diventassero di nuovo disponibili, ma sembra che questa cosa non sia andata giù ai miners. Secondo una serie di video pubblicati su Twitter da I_Leak_VN, i miners di criptovalute GPU in Vietnam hanno usato degli idranti a pressione prima di mettere i componenti in vendita su eBay.

Nel video leak si vede chiaramente un miner di GPU vietnamita che lava casualmente diversi rack pieni di GPU.

Fonte video: Cryptocurrency Academy

I potenti getti di questo tipo di sistema di pulizia possono facilmente causare potenziali danni fisici o infiltrazioni di acqua in luoghi da cui potrebbe non evaporare facilmente. Inoltre, anche la pasta termica o il grasso lubrificante potrebbero essere rimossi per sbaglio.

Attenzione ad acquistare una scheda video usata

L’acqua presumibilmente utilizzata nel lavaggio / bagno a getto inoltre non era particolarmente “pulita”. Potrebbe facilmente lasciare depositi sul PCB, causando potenzialmente danni che potrebbero portare a cortocircuiti o altri danni elettrici una volta che questi prodotti vengono accesi.

In un terzo video dalla stessa fonte, viene inoltre utilizzato il lavaggio per immersione su alcune PCB in un bagno di “acqua ad ozono“, che successivamente viene agitato utilizzando un pulitore a ultrasuoni.

Dobbiamo ricordare che ci sono professionisti e appassionati che lavano occasionalmente i PCB dei componenti tramite metodi ad immersione o anche in una lavastoviglie domestica. Coloro che sono esperti con questa pratica di pulizia sono molto attenti nell’utilizzo degli additivi: eventuali impurità o depositi lasciati dopo il lavaggio (e la lunga asciugatura) potrebbero essere dannosi per l’integrità dei componenti elettronici.

 

FONTEtomshardware
Articolo precedenteTwitter, il tanto atteso pulsante di modifica sta arrivando
Articolo successivoMicrosoft non fornirà più supporto per una delle sue app più amate
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it