Energia infinita

Due, secondo Eni, sono gli anni che ci dividono dall’eliminazione della dipendenza dal gas russo. Infatti, il nuovo piano di Eni è quello di andare a diversificare il mercato, così che dal 2025 non avremo più alcun legame col gas russo. Ma come?

 

 

Energia infinita: l’Italia diventerà una superpotenza energetica mondiale?

L’Italia necessita di energia per riuscire a dare vita a nuovi scenari green. La nuova idea sarebbe quella di sfruttare la fusione a condizionamento magnetico, capace di generare energia infinita e scorie inesistenti.

I reattori che faranno ciò verranno costruiti da Eni, che si occuperà della manutenzione e, soprattutto, del monopolio mondiale di questa tecnologia. Si tratta ovviamente di un progetto a lungo raggio che Eni ha inviato al Governo per metterlo in pratica.

Tutto questo perché, purtroppo, l’inverno prossimo sarà davvero una mazzata per tutti gli italiani riguardo il gas, che aumenterà i suoi costi inevitabilmente. Eni è però ottimista. Ecco cosa ha detto Descalzi, Ad di Eni, a riguardo: “Siamo negli Stati Uniti per dare gas all’Europa, ma al centro ci mettiamo l’Italia”.

Eni punta ad avere un reattore a fusione entro il 2030, provando ad uscire da Gazprom il prima possibile. L’energia russa sarebbe dovuta arrivare in Italia fino a quell’anno, ma con la guerra in atto e le nuove tecnologie sfruttare segretamente dallo Stato di Putin, tutto è repentinamente cambiato.

L’obiettivo è quello di rendere l’Italia totalmente autonoma da tutto, senza avere alcuna dipendenza. In questo momento, in caro bollette potrebbe alzarsi di parecchio e solo il tetto massimo ci salverà. Qualcosa, però, cambierà nel nostro Paese con questa nuova iniziativa: l’intenzione è quella di diventare una superpotenza energetica.

Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.