covid quarta dose

La sanità europea afferma che è troppo presto per prendere in considerazione la possibilità di somministrare una quarta dose di vaccini contro il coronavirus, ma affermano che un richiamo aggiuntivo può essere somministrato a coloro che hanno più di 80 anni.

In una dichiarazione congiunta mercoledì, l’Agenzia europea per i medicinali e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie hanno affermato di aver esaminato i dati per una quarta dose dei vaccini COVID-19 prodotti da Pfizer-BioNTech e Moderna.

Questi includono dati da Israele, dove la ricerca ha dimostrato che un secondo booster fornisce una protezione leggermente superiore.

Attualmente non ci sono prove chiare nell’UE che la protezione del vaccino contro malattie gravi stia diminuendo sostanzialmente negli adulti con sistema immunitario normale di età compresa tra 60 e 79 anni“, hanno affermato le agenzie. Ma le organizzazioni hanno riconosciuto che se la situazione pandemica cambia, potrebbe essere necessario prendere in considerazione una seconda dose di richiamo per quella fascia di età.

Per gli adulti di età inferiore ai 60 anni senza problemi di salute di base, “al momento non ci sono prove conclusive che la protezione del vaccino contro malattie gravi stia diminuendo o che vi sia un valore aggiunto di una quarta dose“, hanno affermato l’EMA e l’ECDC.

Non è una scelta che verrà approvata da tutti

Il consiglio è in contrasto con le linee guida emesse dalla Food and Drug Administration statunitense, che ha deciso la scorsa settimana che gli americani di età pari o superiore a 50 anni possono ricevere un secondo richiamo per il COVID-19 se sono trascorsi almeno quattro mesi dalla loro ultima vaccinazione.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie in seguito hanno raccomandato lo scatto extra come opzione, ma si sono fermati prima di esortare coloro che ne erano idonei a correre a prenderlo immediatamente. Questa decisione estende il booster aggiuntivo a milioni di persone in più.

Le raccomandazioni europee arrivano quando numerosi paesi in tutto il continente hanno abbandonato quasi tutte le loro restrizioni COVID-19 e stanno combattendo un’ondata della malattia alimentata dalla sottovariante dell’omicron, estremamente infettiva.

La malattia più lieve della variante non ha provocato ricoveri e decessi come nelle ondate precedenti e le autorità di molti paesi sperano che i loro alti tassi di immunizzazione scongiurino qualsiasi grave interruzione per la società.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it