IPTV: la fine della pirateria è vicina, la Guardia di Finanza multa tutti

La pirateria potrebbe vedere in questo 2022 un vero osso duro da superare, soprattutto per via dei grandi controlli portati a termine in questo periodo dalle forze dell’ordine. Le IPTV potrebbero quindi scomparire molto presto in seguito alla task force indetta dalla Guardia di Finanza che sta prendendo di mira praticamente l’intero paese. Sono tante infatti le notizie di utenti identificati, proprio come accaduto verso la fine dello scorso anno.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: la Guardia di Finanza permette a tutti di ripensarci, altrimenti arriveranno multe altissime

Continuano a persistere i controlli in tutto il paese, proprio con l’obiettivo di rendere la vita più semplice hai licenziatari che si occupano di pay TV. Purtroppo esistono tantissime piattaforme illegali che stanno riuscendo a portare acqua al proprio mulino con tanti nuovi utenti che pagano un massimo di 10 € al mese. 

Le ultime indagini avrebbero condotto ad un vero e proprio focolaio di furbetti, i quali erano tutti a Varese e provincia. 1800 persone sono state identificate e multate.

Il susseguirsi di azioni di contrasto sempre più frequenti ed efficaci sono il risultato della stretta collaborazione tra industria e forze dell’ordine, a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’impegno nella lotta ad un fenomeno criminale che danneggia l’intera industria sportiva, dallo sport amatoriale, agli appassionati, fino ai detentori dei diritti e i broadcaster, distruggendo posti di lavoro e creatività“.