Covid e Super Green Pass: cosa cambia dal 6 dicembre, chiusure per i No Vax

E’ arrivata la grande novità, sotto certi punti di vista inaspettata. Il Green Pass assume una nuova forma ma non per tutti e diventa “rinforzato“. Il cosiddetto Super Green Pass fa quindi il suo esordio ma a partire dal prossimo 6 dicembre per durare, secondo quanto organizzato al momento, fino al prossimo 15 gennaio.

Tale tipo di certificazione sarà rilasciato solo ed esclusivamente in caso di vaccinazione o guarigione dal Covid-19. Gli utenti dovranno averlo con sé anche in zona bianca, in modo da poter accedere liberamente a tutte le strutture alberghiere, palestre, bar, ristoranti, cinema e quant’altro. Non avrò più lo stesso valore il tampone, che sia antigienico o molecolare, cosa che andrà a danneggiare i No Vax che quindi, non potendo ottenere il Green Pass rinforzato, non potranno accedere alle stesse strutture sopra citate.

La validità del nuovo certificato sarà ridotta da 12 a 9 mesi, mentre la vaccinazione obbligatoria sarà esteso anche al personale amministrativo dille sanità e della scuola oltre che di militari, soccorso pubblico e forze di polizia.

 

Green Pass rinforzato: dal 6 dicembre cambia tutto

Coloro che non si vaccineranno, avranno diritto al vecchio tipo di Green pass che sarà generabile solo con un tampone negativo. Questo servirà solo per servirsi del trasporto ferroviario regionale o del trasporto pubblico locale. Stessa cosa per soggiornare in albergo o per accedere agli spogliatoi dell’attività sportiva all’aperto, dal momento che palestre e centri resteranno chiusi a coloro che non effettueranno la vaccinazione o che non dimostrino di essere appena guariti.

Coloro che non hanno alcun tipo di Green pass invece non potranno né prendere i mezzi pubblici né recarsi al lavoro.