canone rai

Come ben sappiamo, il Canone Rai viene pagato per 10 mesi nella bolletta della luce e tutti i cittadini sono obbligati a pagarlo. Tuttavia, esistono due casi in cui si può avere l’esenzione: se si hanno più di 75 anni, un reddito basso o un contratto di energia ma non si ha un televisore. La richiesta di esenzione dovrà essere inviata al Fisco tramite alcune modalità. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Canone rai: invio della richiesta

Il destinatario della richiesta è l’Agenzia delle Entrate e il cittadino avrà la possibilità di fare tutto tramite web accedendo alla sezione di riferimento del portale dell’ente dove sono indicate le modalità di inoltro della richiesta di esenzione del Canone Rai. I contribuenti dovranno compilare un modulo di dichiarazione sostitutiva compilabile telematicamente o in via cartacea. L’indirizzo di riferimento è: Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, SAT – sportello abbonamenti TV – casella postale 22, 10121, Torino.

Il modulo compilabile dai cittadini ultra 75enni con basso reddito è diverso. Si potrà compilare digitalmente e inviato tramite PEC scrivendo all’indirizzo cp22.canonetv@postacertificata.rai.it. Alternativamente, recatevi personalmente presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia dell’Entrate oppure andate alle poste e inviate il tutto a: Agenzia delle Entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone Tv – casella postale 22, 10121, Torino. Un consiglio che vi diamo è quello di inviare raccomandata con ricevuta di ritorno.

La richiesta  di esonero annuale del Canone Rai dovrà essere inoltrata tra il 1° luglio e il 31 dicembre. Presentando la richiesta dal 1° febbraio al 30 giugno, avremo l’esonero solo per il secondo semestre dell’anno in corso.